You are here
Scandalo al cimitero di Salerno, assolto dipendente comunale Attualità Cronaca 

Scandalo al cimitero di Salerno, assolto dipendente comunale

Scandalo al cimitero di Salerno, dopo 10 anni assolto Luigi Criscuolo, dipendente comunale coinvolto in quella che viene ricordata dalle cronache come l’inchiesta della “truffa dei loculi al camposanto di Brignano. Criscuolo fu travolto dallo scandalo e addirittura arrestato perché – secondo gli inquirenti – era il complice di Massimo Romaniello (per il quale si è proceduto in separata sede giudiziaria) ed era l’addetto alla stampa delle assegnazioni dei loculi che sarebbero stati poi “venduti” ai familiari di defunti attraverso il coinvolgimento di imprese funebri. Un’accusa gravissima che è caduta, pezzo dopo pezzo, durante la lunga fase dibattimentale. L’altro imputato, Aniello Rizzo, marmista, è stato condannato invece ad 1 anno e 10 mesi di reclusione, con il beneficio della sospensione della pena. Trenta le parti civili costituite, tra le quali il Comune di Salerno

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi