You are here
Scafati, blitz contro i clan con 21 arresti: il sindaco ringrazia carabinieri e Dda Provincia Provincia e Regione 

Scafati, blitz contro i clan con 21 arresti: il sindaco ringrazia carabinieri e Dda

Il Sindaco di Scafati Cristoforo Salvati intende esprimere il proprio ringraziamento alla Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno e all’Arma dei carabinieri per i 21 arresti eseguiti nella giornata di ieri tra Scafati ed i comuni limitrofi della provincia di Napoli con accuse, a vario titolo, per estorsione, detenzione e porto di armi comuni da sparo e da guerra, violenza privata e illecita concorrenza con minaccia o violenza, aggravati dal metodo e dalle finalità mafiose.
“A nome dell’intera città di Scafati e mio personale – ha dichiarato il Sindaco Salvati – voglio esprimere il più sincero ringraziamento alla Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno, al comandante provinciale dell’Arma dei carabinieri, colonnello Gianluca Trombetti, per l’importante operazione messa a segno ieri mattina, che ha consentito di consegnare alla giustizia 21 persone ritenute responsabili di estorsioni e danneggiamenti nei confronti di imprenditori e commercianti del nostro territorio. Un plauso doveroso va ai carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore e al loro comandante, il tenente colonnello Rosario Di Gangi, che insieme ai carabinieri della tenenza di Scafati, diretti dal tenente Gennaro Vitolo, hanno lavorato per mesi, con pazienza e certosina professionalità, per far luce sull’organizzazione criminale che aveva ripristinato il business delle estorsioni in città, con la ferma intenzione di garantire legalità e sicurezza ai cittadini. Grazie ancora a tutti coloro, che a diverso titolo, hanno contribuito a portare a termine questa operazione, dimostrando che si può combattere e vincere contro la criminalità e l’illegalità diffusa. Continueremo ad operare sempre al fianco delle forze dell’ordine per supportare il loro lavoro, insieme, dalla stessa parte, a difesa del territorio.”

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.