You are here
MICI E CANI CICCIONI, MA SOLO 1 PROPRIETARIO SU 2 AMMETTE CHE SONO OBESI Lifestyle 

MICI E CANI CICCIONI, MA SOLO 1 PROPRIETARIO SU 2 AMMETTE CHE SONO OBESI

Comportamenti alimentari sbagliati e basso livello di attività fisica, così sempre più cani e gatti diventano ciccioni se non proprio sovrappeso. L’obesità dei pets è sempre più diffusa, parallelamente a quella umana specie in Occidente, arrivando secondo i dati recenti a superare il 50% tra i cani e il 45% dei gatti e riduce in modo significativo la loro qualità di vita e li predispone a diabete, affezioni articolari e patologie cardio-respiratorie.

Secondo uno studio di Purina – in collaborazione con esperti di cinque università differenti – spesso le problematiche legate al peso risiedono nelle convinzioni e nei comportamenti errati dei proprietari che, se modificati, possono diventare la soluzione stessa al problema. Secondo lo studio, realizzato su un campione di 3.399 cani in cinque paesi (Francia, Germania, Italia, Russia e Regno Unito), il 33% dei proprietari riteneva ideale il peso del proprio cane, mentre in realtà si trattava di cani sovrappeso o addirittura obesi. Solamente un intervistato su due (51%), invece, ha saputo riconoscere se il proprio pet ha un peso corretto. Negli ultimi anni la problematica è sempre più in cresciuta, e in questi tempi, con il lockdown di primavera e le nuove attuali prescrizioni che hanno provocato e continuano a provocare cambiamenti nella routine quotidiana, si sono modificati i comportamenti alimentari e il livello di attività fisica dei pet. Inoltre, l’obesità diffusa tra cani e gatti aumenta parallelamente a quella umana registrata nel mondo occidentale, e ha raggiunto nel 2018 il 51% nei cani e il 44% nei gatti, + 2% in tre anni. L’importanza di offrire ai proprietari sin dai primi mesi di vita del pet indicazioni precise sulla gestione del peso ideale era già stata messa in luce da un precedente studio del brand, il quale aveva dimostrato che i cani che mantengono un corretto peso hanno un incremento della durata della vita pari a 1,8 anni. Guido Poncini (Medico Veterinario Purina) spiega quanto sia “importante educare i proprietari sul controllo e sulla gestione del peso ideale. Saper gestire il peso del proprio pet sin dai primi mesi di vita e riuscire a mantenerlo, inoltre, incrementa la durata della vita fino a 1,8 anni. Per aiutare i pet owner nella gestione del peso è importante fornire loro anche strumenti come il Body Condition Score (BCS) – uno strumento che funziona come il BMI per gli esseri umani – che consente a proprietari e a veterinari di poter riconoscere i primi segni di obesità nei cani e nei gatti”. Fonte: Ansa.it

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi