You are here
Mazzette e sentenze alla commissione tributaria regionale, si torna davanti al giudice per un confronto Cronaca 

Mazzette e sentenze alla commissione tributaria regionale, si torna davanti al giudice per un confronto

Mazzette ai giudici della commissione tributaria di Salerno. Proseguono le attività investigative da parte del sostituto procuratore Elena Guarino e dei finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria, agli ordini del tenente colonnello Eugenio Bua. Per la procura c’è molto di più di quanto finora non sia già stato portato alla luce. Così, proprio su richiesta del pm, il gip Piero Indinnimeo ha fissato per lunedì prossimo un incidente probatorio per Rosario Attilio Passerella e Turivio Bianchino per verificare bene tutte le responsabilità non soltanto dei due indagati ma anche dei giudici Antonio Mauriello e Giuseppe Pagano.  La procura, in pratica ci vuole vedere chiaro in merito alle mazzette che i due magistrati tributari avrebbero intascato per pilotare le sentenze relative sia al lido Venere e sia al D.L: Palmieri Cosimo. L’accusa, per tutti,- scrive il Mattino- è di corruzione in atti giudiziari e pene per il corruttore, ovvero la contestazione a chi materialmente corrompe l’ufficiale giudiziario.  Si sarebbe reso necessario alla luce di nuove dichiarazioni che sarebbero state rese nelle ultime settimane, soprattutto dopo la nuova ordinanza di arresto a carico di Mauriello, giudice tributario e già componente del Consiglio nazionale di giustizia tributaria, lo scorso gennaio e dopo il respingimento di analogo provvedimento – sempre a firma del gip Indinnimeo – a carico dell’altro magistrato, Giuseppe Pagano, per il quale il giudice dell’indagine preliminare non avrebbe ravvisato la necessitò dell’arresto essendogli stato revocato l’incarico professionale. Bianchino, commercialisti e difensore tributario del lido Venere, avrebbe concordato con Passerella, dipendente amministrativo della commissione tributaria, la consegna materiale di una busta contenente duemila euro per il giudice Pagano, presidente e relatore della sezione nove, per condizionare favorevolmente l’esito del procedimento di 16.621, 85 euro a favore del lido Venere srl. Stessa dinamica, ma con un importo maggiore della mazzetta, ovvero 5mila euro destinati al giudice Mauriello, relatore presso la stessa sezione 9, per il procedimento a carico della D.L. Palmieri Cosimo del valore di 253.417,80 euro definito, appunto, con esito favorevole in secondo grado.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi