You are here
HarmonyOS, Huawei annuncia il suo sistema operativo Italia e Mondo 

HarmonyOS, Huawei annuncia il suo sistema operativo

HarmonyOS, il sistema operativo di Huawei, noto in precedenza come HongMeng OS, è ormai realtà. La presentazione, infatti, è avvenuta venerdì 9 agosto a Dongguan, in Cina, nel corso della prima conferenza annuale con gli sviluppatori. Ad annunciarlo è stato il Ceo della divisione Consumer Business Group e direttore esecutivo di Huawei, Richard Yu: il sistema non è pensato solamente per gli smartphone, ma è stato creato per abbracciare un più ampio ecosistema. Smartwatch, smart speaker, smart screen e settore automotive saranno tutti investiti dalla portata di questa novità, come spiegato dallo stesso Yu: «Avevamo bisogno di un sistema operativo in grado di operare su più piattaforme. HarmonyOS si adatterà a ogni possibile scenario e funzionerà su diversi dispositivi. Stiamo andando incontro a quella che è la domanda dei consumatori, che necessitano di un’esperienza multipiattaforma. Vogliamo portare armonia».

Nell’uso quotidiano, gli utenti non noteranno quindi grosse differenze aprendo una stessa app su device diversi. Per arrivare a questo risultato, HarmonyOS, che si basa su un nuovo microkernel — il software che gestisce il funzionamento del sistema operativo — sarà open source con compilatore ARK e un’architettura sicura e affidabile. Una delle sue particolarità sarà la flessibilità: gli sviluppatori dopo aver realizzato l’applicazione non dovranno adattarla al dispositivo scelto, perché a questo ci penserà direttamente il sistema operativo. Secondo Yu, il microkernel sarà quindi molto diverso da quelli utilizzato da Android e iOS, mentre HarmonyOS rappresenta una nuova generazione di sistemi operativi e sarà in grado di abilitare facilmente l’intelligenza artificiale sui diversi dispositivi. Altra caratteristica, già discussa nei mesi scorsi, sarà la velocità di esecuzione grazie a un componente chiamato Deterministic Latency Engine: HarmonyOS darà priorità a determinate azioni, destinando loro più risorse. Secondo Huawei questo dovrebbe migliorare l’efficienza a quasi 5 volte in più rispetto ai sistemi attuali. (fonte: corriere.it)

scritto da 







Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi