You are here
Favori all’università di Salerno, due ex dipendenti a rischio processo Provincia Provincia e Regione 

Favori all’università di Salerno, due ex dipendenti a rischio processo

Chiesto il giudizio immediato per i due ex dipendenti dell’Università di Salerno, con accuse di accesso abusivo al sistema informatico, falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e induzione indebita a dare utilità. Decide il tribunale se accogliere l’istanza della Procura senza far passare i due per l’udienza preliminare. Le indagini della Guardia di Finanza, dopo una denuncia presentata dallo stesso Ateneo, avevano permesso di rilevare delle irregolarità nella procedura di immatricolazione di due studenti, iscritti alla Facoltà di Medicina, pur senza essersi classificati in posizione utile nella graduatoria unica nazionale di merito dei test d’ingresso. In quell’occasione, era subito emerso che l’iscrizione era stata effettuata materialmente da un dipendente dell’Università, attraverso l’accesso abusivo al sistema Informatico di segreteria. I successivi approfondimenti evidenziarono inoltre che l’indagato era solito utilizzare le proprie credenziali per attestare falsamente esami universitari in realtà mai sostenuti dagli studenti beneficiati, in cambio di specifiche regalie (come ricariche telefoniche ma anche fumetti da collezione). Il secondo indagato invece, dipendente amministrativo, avrebbe indirizzato al collega gli studenti universitari che, essendo venuti a conoscenza del meccanismo di frode, chiedevano di essere “aiutati” in qualche modo.Per alcuni studenti venivano fatto risultare la posizione in fasce di reddito di favore, senza tener conto delle reali condizioni economiche delle famiglie, così da consentire un risparmio nel pagamento delle tasse di iscrizione. Al vaglio ci sono 34 casi di carriere universitarie artefatte, molte delle quali culminate nel conseguimento del titolo di laurea. Il primo dipendente fu licenziato tempo fa, il secondo raggiunto da provvedimento disciplinare. Restano indagati anche 42 tra studenti e familiari,anch’essi presunti responsabili, in concorso, dei reati di accesso abusivo al sistema informatico e frode informatica.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi