You are here
Eredità contesa, due sorelle di Capaccio Paestum si azzuffano anche davanti al giudice Cronaca Primo piano 

Eredità contesa, due sorelle di Capaccio Paestum si azzuffano anche davanti al giudice

«Ti odio, tu hai tutto ed io niente ». Due sorelle di Capaccio sono arrivate ai ferri corti per questioni di eredità. I loro rapporti si sono talmente deteriorati nel tempo che, neppure in tribunale, dove si sta celebrando un processo per lesioni personali gravissime e minacce, sono riuscite a contenersi. L’ultimo tentativo di zuffa, prontamente represso dai presenti, è andato in scena ieri al secondo piano del Palazzo di giustizia di Salerno, nell’aula dove stava tenendo udienza il giudice monocratico Enrichetta Cioffi . La saga familiare è contestualizzata nella frazione Licinella. E lì che, otto anni fa, nel mese di ottobre, si tocca il punto più basso della disputa tra sorelle. La persona offesa (assistita dall’avvocato Costantino Cardiello) viene aggredita alle spalle dal cognato, nel frattempo deceduto, dal nipote e dalla sorella: gli ultimi due (difesi dall’avvocato Carmen Rosalia ) sono imputati nel procedimento pendente ieri. Per il primo, il pm d’udienza ha chiesto l’estinzione del reato per intervenuta morte del reo. Durante la lite divenuta oggetto di causa, la donna malmenata fu più volte scaraventata col capo a terra dopo essere stata attaccata da tergo. Il referto medico attesterà la frattura del femore destro, un trauma cranico e uno contusivo all’addome e al torace. Non solo. I medici refertano anche «l’incapacità di attendere alle ordinarie occupazioni» della paziente per un periodo superiore a 40 giorni. Sempre durante i momenti concitati della lite – sostiene la pubblica accusa – una sorella avrebbe minacciato l’altra, usando espressioni come «ti devo uccidere». A mezzogiorno il giudice Cioffi ha chiamato la causa e gli animi sono apparsi subito esagitati. Una familiare degli imputati ha più volte interrotto l’udienza con intemperanze verbali. Il giudice l’ha espulsa dall’aula nella quale era presente anche l’imputata. Durante l’uscita è avvenuto il violento battibecco con l’altra sorella, parte offesa, che stava assistendo al dibattimento tra il pubblico. C’è stato anche un momento dove si è temuto il contatto. La più esagitata delle donne è stata allontanata grazie all’intervento delle forze dell’ordine. Al termine del dibattimento, il pm ha fatto le sue conclusioni e chiesto la condanna per mamma e figlio a due anni di reclusione. Fonte: La Città di Salerno

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi