You are here
Comunali, Barone contro le privatizzazioni delle aziende partecipate Attualità Politica 

Comunali, Barone contro le privatizzazioni delle aziende partecipate

 “L’attuale Amministrazione ha prodotto un dissesto finanziario che potrebbe avere ripercussioni negative sulle aziende partecipate, con il conseguente rischio di tagli occupazionali e di svendita delle stesse”, dice la candidata a sindaco dei 5 Stelle Elisabetta Barone. che aggiunge. “Le Amministrazioni che da 15 anni governano la città di Salerno hanno svenduto il 100% della Centrale del Latte, nonostante l’attivo di bilancio, come pure in quota parte Salerno Energia Vendite e Salerno Energia Distribuzione. In futuro analoga sorte potrebbe toccare alle altre partecipate. Le rassicurazioni di cui siamo spettatori in questi giorni sono l’ennesima menzogna di chi finora ha provocato danni immani e, in campagna elettorale, vuole ancora una volta ingannare cittadini e lavoratori interessati con false promesse e roboanti proclami di fantomatici investimenti”. Per la Barone
la verità è un’altra: “chi ha governato male non potrà garantire nulla di buono per il futuro. Al di là della retorica di circostanza, i responsabili del malgoverno cittadino svenderanno subito dopo le elezioni pezzi del patrimonio pubblico per appianare le tante falle prodotte. I cittadini hanno il diritto di sapere, in piena trasparenza, come sono state gestite tali aziende e quali sono le criticità che le mettono a rischio di sopravvivenza. A questa Amministrazione vanno imputati i disastri economici che intaccano i livelli occupazionali delle diverse realtà produttive partecipate, ne compromettono la presenza sul mercato e ne favoriscono la privatizzazione. La nostra coalizione, alternativa a questo Sistema, si batterà perché le partecipate non siano privatizzate né svendute al miglior offerente, ma al contrario restino patrimonio pubblico da efficientare, valorizzare e potenziare. Diamo fin da ora ampia garanzia di tutela occupazionale per tutti i lavoratori appartenenti a tali realtà che, in caso di continuità dell’attuale governo cittadino, rischiano invece di perdere il lavoro a causa dei dissesti finanziari provocati da anni di inadeguata amministrazione. La tutela dei posti di lavoro è correlata alla capacità di risanamento finanziario e all’efficienza nella gestione dei beni cittadini, cose che evidentemente questa Amministrazione ha dimostrato di non saper fare”.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.