You are here
Accadde oggi: il 3 luglio 1971 la misteriosa morte di Jim Morrison Attualità 

Accadde oggi: il 3 luglio 1971 la misteriosa morte di Jim Morrison

Accadde oggi: è il 3 luglio dell’anno 1971, 49 anni fa, quando il leader dei “Doors” Jim Morrison viene trovato ormai senza vita nella vasca da bagno nell’appartamento situato a Parigi in rue de Beautreillis, civico 17, nel quartiere del Marais. Il mondo saprà della sua morte quasi una settimana più tardi: soltanto il 9 luglio. Senza alcuna spiegazione. Morrison, infatti, non viene sottoposto ad alcuna autopsia alimentando il mistero sulle cause che hanno determinato la sua fine. Altrettanto misteriosa anche la sua sepoltura il 7 luglio nel cimitero di Père-Lachaise. Otto minuti di cerimonia, se così si può definire, senza la presenza di alcun sacerdote. Momento intimo solo con la fidanzata, un paio di amici, il manager e la segretaria.

Da quel momento in poi l’immortalità. Morrison diventa un simbolo per tutti. Non tanto per le sue capacità di artista – comunque valente cantante e poeta – quanto perché identificato come l’icona della gioventù ribelle e inquieta. Senza freni non solo nella vita ma anche durante i suoi concerti. Portato via a peso dalla Polizia, oppure ubriaco fradicio a tal punto da non essere in grado di esibirsi. Nonostante tutto apprezzato, forse anche per questa vita oltre le regole, sempre in grado di richiamare un pubblico da sold out.

Tutto questo fino all’1 marzo 1969, quando si presenta in ritardo al concerto di Miami, litiga con il pubblico e cala i pantaloni in modo provocatorio durante la canzone. Sarà condannato per atti contrari alla morale e per bestemmie in luogo pubblico. Quello sarà il punto di svolta, in negativo, della carriera dei “Doors”. Il pubblico inizia ad allontanarsi, i dischi rimangono in parte invenduti. Lui reagisce a modo suo, con droghe e alcol.

Nella primavera del 1971, dopo sei anni di carriera e di eccessi, decide di dire basta al mondo della musica e dello spettacolo per concentrarsi soltanto sulla poesia. Dopo due mesi di soggiorno parigino, però, l’improvviso decesso. Forse per colpa degli stupefacenti, forse per l’alcol. O più probabilmente per la combinazione di entrambi. Nella tragedia la riconciliazione con il grande pubblico: Jim Morrison diventa un mito, la sua foto un’icona, la sua tomba la meta di pellegrinaggi che durano ancora oggi

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi