You are here
Salerno, il gruppo Oltre: “L’adesione del Comune al decreto salva città rappresenta il disastro dell’attuale amministrazione” Attualità 

Salerno, il gruppo Oltre: “L’adesione del Comune al decreto salva città rappresenta il disastro dell’attuale amministrazione”

“L’adesione del Comune di Salerno al decreto “Salva Città” certifica il disastro dell’attuale amministrazione. Quello che il Gruppo Oltre, insieme ad altri esponenti dell’opposizione, denuncia da tempo è puntualmente avvenuto. Le drammatiche condizioni finanziarie dell’ente impongono a chi è al governo della città di seguire l’unica strada in grado di bloccare, ma non evitare del tutto, la procedura di dissesto. Il “Salva Città” consente agli incapaci amministratori responsabili del fallimento di avere una sorta di copertura di legge per le loro responsabilità.
Il conto, però, lo pagheranno come sempre i cittadini. Il decreto, infatti, prevede un aumento delle tasse e una serie di tagli alla spesa pubblica. Più nello specifico: il Comune di Salerno aumenterà l’addizionale Irpef oltre l’aliquota massima, ridurrà la già esigua spesa corrente di un ulteriore 2%, venderà quel poco che è rimasto del patrimonio pubblico, dovrà intervenire sulle partecipate forse anche con dolorosi tagli al personale.
In altre parole i protagonisti dello scempio, e in generale tutta la congrega che governa Salerno da anni, possono continuare a fare danni sulle spalle dei cittadini.
Sarebbe ora di capire come sono stati sperperati, in tanti anni, milioni di euro e come mai nonostante i cittadini di Salerno paghino le tasse più alte d’Italia i servizi siano inesistenti e i buchi di bilancio sempre più consistenti.
Amministratori con un minimo di dignità e senso del pudore sarebbero gia a casa a nascondersi.
Ma qui a Salerno, non esiste limite alla vergogna”, scrive il gruppo Oltre composto da Donato Pessolano, Corrado Naddeo,  Antonio D’Alessio,  Leonardo Gallo e Giuseppe Ventura

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.