You are here
Pagani, aumenta la percentuale della raccolta differenziata Provincia e Regione 

Pagani, aumenta la percentuale della raccolta differenziata

Pagani, in aumento la differenziata: dati ufficiali, rilevati dai documenti di riferimento (formulari smaltimento e Registro MUD), codificano una percentuale di Raccolta differenziata, per il secondo semestre 2019, pari al 51,2% che fanno attestare al 38,5% la percentuale definitiva riferita all’intero anno 2019 contro il 14,2% effettivo registrato nell’esercizio 2018, con una raccolta e smaltimento di “rifiuti indifferenziati” diminuita da 12.000 Tonn (2018) a 8.000 Tonn. (2019). E’ un grande risultato, insperabile all’atto dell’insediamento, che va ascritto al forte impegno di miglioramento produttivo svolto dal nuovo CDA dell’ASPA, dai vertici direttivi aziendali e dal personale tutto che hanno potuto contare sul forte e costante sostegno e rapporto collaborativo da parte dell’Amministrazione Comunale Il risultato raggiunto, però, è solo un primo importante passo del rilevante e difficile compito che attende l’ASPA – quale Soggetto Gestore del Ciclo Integrato dei rifiuti dal 01.01.2020 – ormai definitivamente riportata nell’alveo della legittimità amministrativa ed operativa imposta dalla norma nazionale, regionale e da quella dettata dall’ARERA con la Delibera 443/2019 del 31.10.2019.
Non può passare inosservato, in primis ai vertici programmatici e direttivi di ASPA e poi ai funzionari comunali cui rimane esclusivamente il compito di esercitare concretamente ogni pregnante e rilevante controllo “Analogo” e “di resa del servizio in maniera efficiente ed efficace”, la grande opera di “moralizzazione amministrativa” che è stata attuata eliminando l’illegittima frammentazione delle attività (programmatiche ed esecutive) che hanno comportato risultati inefficienti, aumento dei costi e confusione operativa. Il Sindaco facente funzioni (finchè in carica), assicura pieno sostegno e collaborazione ad ASPA (complessivamente intesa e così come strutturata) e chiede ai vertici (programmatici e gestionali) di agire in “autonomia funzionale ed operativa” e di compiere quell’indispensabile salto di qualità (anche culturale) che si fonda, inevitabilmente ed inderogabilmente, su metodi comportamentali che richiedono “la presenza costante” e “l’agire più che il parlare”, l’assoluta insensibilità alle “ingerenze della politica e dei ruoli istituzionali”, l’assunzione piena e totale delle responsabilità di ruolo come descritte e codificate dallo Statuto e dalla norma imperativa nazionale e regionale, l’indispensabile comprensione del contesto normativo in cui si opera ed agisce prima di esternare considerazioni errate che ingenerano confusione e ritardano processi fondamentali per le sorti di ASPA e del Comune di Pagani che nel 2019, come ben sa la struttura burocratica interna purtroppo spessa adusa a parlare anziché agire, ha sostenuto costi effettivi per il ciclo dei rifiuti (tra somme erogate in concreto e accantonamento per FCDE) per 10 MLN di euro a fronte di meno di TRE incassati per TARI e che ha accumulato, negli ultimi dieci anni, crediti per TARI pari a circa 35 MLN di euro.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi