You are here
Il tricolore fuori dalle Olimpiadi di Tokyo? Il 27 gennaio si discuterà il “caso Italia” Sport 

Il tricolore fuori dalle Olimpiadi di Tokyo? Il 27 gennaio si discuterà il “caso Italia”

Mercoledì 27 gennaio sarà un giorno importante per lo sport italiano. Per quel giorno (dalle 12 alle 16) è stato ufficialmente convocato in videoconfeerenza l’esecutivo del Cio. È il giorno infatti in cui il Coni rischia la sanzione di sospensione da parte del Cio per violazione dell’articolo 27 della Carta olimpica, ovvero per la mancata autonomia.

Stando alcune indiscrezioni trapelate e pubblicate dal quotidiano nazionale “la Repubblica”, il Comitato Olimpico internazionale avrebbe già pronto il documento di sospensione del Coni: un atto che per l’Italia non ha precedenti e che impedirebbe agli atleti azzurri di gareggiare alle Olimpiadi di Tokyo al via il 23 luglio sotto la bandiera del nostro paese.

“Senza un intervento del governo, Federica Pellegrini o Gregorio Paltrinieri potrebbero concorrere soltanto come atleti indipendenti – precisa l’articolo pubblicato da Repubblica -. E non solo. Perché la sospensione del Coni, rischierebbe di avere pesanti ripercussioni anche su Milano-Cortina, i Giochi invernali che l’Italia ospiterà nel 2026. La sospensione del Coni bloccherebbe anche i finanziamenti del Cio, che ovviamente arrivano tramite i Comitati Olimpici“. Il tutto è scaturito a causa della riforma dello sport nata due anni e tre mesi fa sotto il governo Lega-M5s ha creato un vulnus che la contro riforma Spadafora non ha sanato.

Due sono state le lettere scritte dal presidente del Cio Thomas Bach (14 ottobre e 2 dicembre) alle quali formalmente non è stata mai data alcuna risposta dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Nelle lettere Bach scriveva: “al Coni non è consentito di rispondere in pieno del suo ruolo di Comitato olimpico e di operare in accordo con la Carta Olimpica“. “Il premier Conte può ancora evitare, seppur in extremis, la figuraccia globale. Come? Convocando entro domani un Consiglio dei ministri, che approvi un decreto per risolvere la questione dell’autonomia del Coni – aveva detto il presidente del Coni Giovanni Malagò -.

A dirla tutta, un decreto esiste già: è stato scritto in accordo tra gli uffici del ministero dello Sport e quelli del Mef, e in poche righe determina garanzie per l’autonomia funzionale e gestionale del Coni trasferendogli la pianta organica dei dipendenti che ha in uso da Sport e Salute. Ma il decreto giace in un cassetto, bloccato da ostruzioni politiche. L’ufficio sport sta provando a portare il decreto in approvazione in tempo. Ma basterebbe approvarlo prima dei Giochi, per permettere al Cio di ritirare la sospensione in tempo: bastano 24 ore“. Il tempo sta scadendo e la giornata di mercoledì potrebbe rappresentare un clamoroso tonfo dello sport italiano in vista dell’evento più importante. Fonte: la Repubblica

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi