You are here
Il 1 aprile di 45 anni fa viene fondata la Apple Computer Attualità 

Il 1 aprile di 45 anni fa viene fondata la Apple Computer

 Accadde oggi: il 1 aprile 1976 viene creata Apple Computer dai tre soci fondatori Stephen Wozniak e Steve Paul Jobs che erano stati compagni di liceo agli inizi degli anni ’70 ed avevano continuato a sentirsi anche dopo la scuola. Entrambi furono assunti da Società della Silicon Vally che operavano nel settore informatico. Wozniak era impiegato presso Hewlett-Packard mentre Jobs lavorava per la mitica Atari dell’altrettanto mitico Nolan Bushnell. Proprio in quest’ambito, Jobs conobbe Ronald Gerald Wayne  al quale offrì una partecipazione pari al 10% di Apple Computer.

 

Fin dall’inizio, Wozniak aveva rivelato una spiccata propensione per i computer e per hobby iniziò un progetto destinato a diventare il primo prodotto di Apple battezzato, con molta poco originalità, Apple I.

Il grande merito di trasformare un hobby in un affare fu di Steve Jobs. Nel corso del primo mese della neonata Società, Apple I fece il suo debutto all’Homebrew Computer Club di Palo Alto (California). Apple I era equipaggiato con una CPU Mos Technology 6502 di 1MHz e 8Kb di RAM. A differenza degli altri computer hobbystici, non era venduto in un kit di montaggio, ma sotto forma di scheda madre già assemblata, senza case e senza componenti. Gli acquirenti di Apple I per ottenere il computer funzionante dovevano aggiungervi un alimentatore, la tastiera, il display e un case. È per questo motivo che molti Apple I si possono rinvenire alloggiati in scatole di legno.

 

Paul Jay Terrel, il proprietario di Bit Shop, la prima catena americana di informatica, ordinò 50 Apple I al prezzo di $500, ma i computer dovevano essere completi di tutto. Questa richiesta stravolse le idee iniziali dei fondatori di Apple che avevano infatti pensato di produrre esclusivamente le schede logiche, lasciando agli acquirenti il compito di assemblare il tutto.

Mentre Ronald Gerald Wayne decise di cedere il suo 10% perchè non convinto del business, Steve Jobs riuscì ad ottenere un prestito di $5.000 e a persuadere i fornitori ad accettare pagamenti a 30 giorni. In questo modo, Apple spese 15.000 Dollari in componentistica e nel garage dei genitori di Jobs (foto) prese il via l’assemblaggio dei computer per soddisfare la richiesta di Terrel.

Jobs galvanizzato dal successo chiese aiuto al suo capo Nolan Bushnell, che gli fece conoscere Don Valentine grazie al quale il giovane Steve arrivò ad Armas Clifford “Mike” Makkuula Jr, manager dalle spiccate capacità in grado di far muover grossi capitali. Jobs, Wozniak e Makkuula fondarono ufficialmente Apple Computer il 3 gennaio 1977.

Fu presentato l’Apple II, un’evoluzione del precedente progetto. Il computer questa volta aveva in dotazione un case in plastica ed era in grado di gestire grafica a colori, una vera e propria rivoluzione per quel periodo.

Anche la RAM era cresciuta, “ben” 12Kb. La dotazione dell’Apple II prevedeva anche due game pad. La leggenda vuole che l’idea dei pad fu di Wozniak che tempo prima aveva lavorato con Jobs al popolarissimo gioco Breakout, che si serviva appunto di contoller di quel tipo e aveva il Basic preinstallato nella Rom.

L’Apple II uscì fuori produzione nel 1980 dopo aver venduto oltre un milione di unità. Ebbe un enorme successo non solo nell’ambito home, ma anche in quello business. L’Apple II fu apprezzato perchè era l’unico computer in grado di gestire il VisiCalc, il primo foglio di calcolo…

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi