You are here
Giovane di Montesano morta a Potenza, il fidanzato: “Ero innamorato, solo una piccola discussione verbale ma nessun litigio” Cronaca Provincia Provincia e Regione 

Giovane di Montesano morta a Potenza, il fidanzato: “Ero innamorato, solo una piccola discussione verbale ma nessun litigio”

Innamorato e innocente si professa Antonio Capasso, il fidanzato di Dora Lagreca, la trentenne morta nella notte fra l’8 e il 9 ottobre cadendo dal balcone dell’appartamento in cui i due si trovavano in un palazzo del rione Parco Aurora a Potenza. Lo ha fatto anche ieri tramite il suo legale, l’avvocato Domenico Stigliani, prima del nuovo sopralluogo dei Ris dei Carabinieri nell’abitazione in cui si sono consumati i fatti e ora sotto sequestro. “È molto scosso, era molto innamorato della ragazza ed era sua intenzione iniziare con lei un progetto di vita” ha raccontato l’avvocato parlando con i giornalisti fuori dal palazzo dove l’uomo aveva affittato una appartamento al quarto piano. Stigliani ha ribadito che il suo assistito ha cercato di bloccare la donna che si sarebbe lanciata nel vuoto ma senza riuscirci.

Antonio Capasso che è indagato dalla Procura per il reato di istigazione al suicidio, nega che tra lui e Dora ci sia stata una lite prima della morte della donna ma parla di una semplice discussione verbale come avviene sempre tra fidanzati e dove al massimo si erano alzati i toni ma non un vero e proprio litigio. I due pare avessero discusso già in macchina dopo il rientro dalla festa a cui avevano partecipato in serata ma per l’uomo non si è trattato di una lite e nulla lasciava presagire quanto caduto poco dopo. “Non c’è stata nessuna lite, è avvenuto tutto in pochi minuti, stiamo parlando di una casa piccola. Capasso non si aspettava questo epilogo. I due si sono ritirati, lei si è spogliata per lavarsi e all’improvviso, mentre parlavano ad alta voce per delle questioni sentimentali, lei ha fatto questo gesto all’improvviso e lui non è riuscito a fermarla” ha raccontato l’avvocato, aggiungendo: ” Non c’erano segnali precedenti che facevano pensare ad un simile epilogo. Litigavano, non spesso che io sappia, come tutte le coppie prevalentemente per la gelosia di lei”. Dopo l’autopsia la salma è stata restituita ai familiari per il triste rito dei funerali.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.