You are here
Estorsioni a suon di bombe a Scafati, l’Antimafia di Salerno: “Condanne severe” Cronaca Provincia e Regione 

Estorsioni a suon di bombe a Scafati, l’Antimafia di Salerno: “Condanne severe”

Fissato per il  26 marzo il processo in Appello per i componenti del gruppo che, capeggiato da Giuseppe Buonocore genero di Franchino Matrone ‘a belva, faceva estorsioni a suon di bombe ai commercianti di Scafati. Sarà la Corte, presieduta dal giudice Castiello, a valutare se accogliere il ricorso dei legali per uno sconto di pena agli assistiti e della stessa procura Antimafia che chiede condanne severe per gli imputati e per chi è stato assolto nel corso del rito abbreviato. Cinquantasette anni di carcere questa la somma degli anni di reclusione che aveva chiesto il pm dell’Antimafia Giancarlo Russo. Il verdetto finale ha visto condanne complessive di 30 anni con un forte sconto dovuto alle assoluzioni pronunciate dal giudice. Lo stesso Tribunale del riesame aveva confermato la prospettazione accusatoria con l’unica riforma, importante, della neutralizzazione dell’aggravante del metodo mafioso.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi