You are here
Cure prescritte ai pazienti morti per gonfiare i compensi Primo piano Provincia e Regione 

Cure prescritte ai pazienti morti per gonfiare i compensi

Sei medici finiscono a processo per falso ideologico in atto pubblico. Secondo le accuse della procura, avrebbero emesso prescrizioni sanitarie per persone decedute in un periodo antecedente. L’inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Angelo Rubano, con indagini materialmente svolte dal Nucleo Speciale spesa pubblica della Guardia di Finanza di Salerno, contesta agli attuali imputati di aver prescritto visite specialistiche domiciliari, oltre all’emissione di referti medici che attestavano l’esecuzione delle visite, nei confronti di persone che erano già decedute.

Per prendere uno dei tanti esempi finiti in un’informativa, una donna deceduta il 25 settembre del 2010, fu indicata come beneficiaria di una visita domiciliare effettuata il 29 novembre del 2012. Le persone coinvolte sono medici di base e specialisti. Una volta chiusa l’indagine, la procura aveva emesso per tutti un decreto penale di condanna, e cioè una sanzione pecuniaria da pagare all’Erario, pari a circa 27mila euro, in ragione della tenuità dell’accusa. Una disposizione fissata poi dal gip presso il tribunale di Nocera Inferiore, alla quale tutti i professionisti si erano opposti, attraverso i propri legali difensori. Questo ha portato, per legge, lo stesso gip a fissare per tutti il processo, attraverso il rito immediato. La posizione di un settimo medico, invece, è stata archiviata. La difesa, in questo caso, ha dimostrato che il paziente visitato era vivo. Il disguido era legato infatti ad un caso di omonimia. Il resto dei medici dovrà invece difendersi al processo. (fonte: ilmattino.it)

scritto da 







Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi