You are here
CostierArte, Massimo Perrino e la poesia napoletana contro la violenza sulle donne Turismo ed Eventi 

CostierArte, Massimo Perrino e la poesia napoletana contro la violenza sulle donne

“Il tempo che non vola”è la raccolta poetica firmata dal giornalista partenopeo Massimo Perrino (edito da Graus   con prefazione di Gennaro Sangiuliano, direttore del tg2) che sarà presentato sabato 25 maggio, alle ore 20.00, presso il Salone degli Affreschi di Palazzo Mezzocapo di Maiori.

All’incontro, presentato da Vania de Angelis ed organizzato da CostierArte, interverranno l’autore e regista Rai Gino Aveta e Roberta Beolchi, presidente Associazione Edela. La serata sarà allietata dalle note di Giuseppe di Bianco al pianoforte e dalla superba voce del soprano Antonella De Chiara. Discuterà con Massimo Perrino il giornalista de “La Città” di Salerno Antonio Di Giovanni.

Versi che parlano di affetti, amicizia, sentimenti, emozioni, ma che affrontano anche temi più attuali, gli omicidi e la violenza sulle donne.

Spiega l’autore: «Ho scelto questo titolo perché c’è un tempo che vola, ma per fortuna c’è anche un tempo che non vola. È il tempo delle emozioni, dei ricordi, di ciò che resta impresso nella nostra mente e nel nostro cuore per sempre».

Ironia, delicatezza e sensibilità affioranocontro quegli uomini che si ritengono dei re ed invece in realtà valgono zero. La vendita del volume ha una finalità benefica. Il ricavato dei diritti d’autore, infatti, andrà all’Associazione Edela, presieduta da Roberta Beolchi, che tutela e sostiene gli orfani di femminicidio e le famiglie affidatarie. Sono circa 1700, in Italia, i minori rimasti senza una madre e un padre e che spesso vengono affidati ai nonni o agli zii.

Massimo Perrino è stato portavoce del presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, e da più di 15 anni è un punto di riferimento per la stampa parlamentare. Appassionato di teatro e di poesia, ha deciso di pubblicare la sua prima raccolta in napoletano, sollecitato da un’icona del giornalismo come Sergio Zavoli, suo primo estimatore. La stessa sera del 25 maggio, sarà inaugurata, la mostra “MIGRAZIONI ARTISTICHE 2.0”, un’esposizione collettiva interculturale d’arte, ma soprattutto un dialogo attraverso prospettive diverse sul mondo femminile degli artisti: Maria Aloi, Silvio Amato, Luciana Casatti, Ornella De Rosa, Adele Filomena, Rosy Mantovani, Maurizio Marioli e Silvia Montomoli.

La mostra terminerà il 10 giugno.

scritto da 







Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi