You are here
CORONAVIRUS. ANCORA RECORD USA: SUPERATI I 50 MILA CASI IN UN GIORNO Attualità Italia e Mondo 

CORONAVIRUS. ANCORA RECORD USA: SUPERATI I 50 MILA CASI IN UN GIORNO

Oltre 50 mila nuovi contagi in un giorno: la pandemia segna un nuovo record negli Stati Uniti; secondo i dati del Covid Tracking Project, i nuovi contagi sono stati esattamente 52.982, portando il totale a 2.686.582, mentre le vittime hanno superato quota 128.000 (128.062). E il governatore di New York, Andrew Cuomo, attacca il presidente Trump “Negare la realtà è una strategia fallimentare. La Casa Bianca deve affrontare i fatti. La situazione nazionale legata al Covid è fuori controllo”; i casi di contagio stanno aumentando in 37 Stati e diminuendo solo in 2, mentre gli altri 11 hanno un andamento piatto, secondo quanto riferisce la CNN. Così la California fa marcia indietro e chiude le attività all’interno di bar e ristoranti, consentendo solo quelle all’esterno; alcune contee del sud hanno già chiuso le spiagge per il fine settimana lungo del 4 luglio e stanno valutando l’ipotesi di sospendere i tradizionali spettacoli pirotecnici per evitare assembramenti. Sulla stessa lunghezza d’onda il governatore del Texas, Abbott, che ha frenato sulle riaperture, mentre il sindaco di Houston, Turner, ha annunciando che a causa della necessità di rallentare l’epidemia, le celebrazioni per l’Indipendence Day si svolgeranno in maniera virtuale. Dopo qualche giorno di stallo, ha ripreso a crescere la pandemia in America Latina, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 72.839 nuovi contagi, con il totale arrivato a 2.649.302, e altri 2.405 morti, per un totale di 118.604 vittime, per lo più concentrate sul territorio brasiliano. Diffuse ora con regolarità intorno alle 19 locali, le cifre brasiliane parlano di 538 nuovi decessi, che fanno salire il totale a 60.632, e 46.712 nuovi casi, per un totale complessivo di 1.448.753; il governatore dello stato brasiliano di Santa Caterina, Carlos Moises, è risultato positivo e si trova ora in quarantena nella sua abitazione: dall’inizio della pandemia nel Paese, ricorda la CNN, otto dei 27 governatori del Brasile sono stati contagiati. In Europa, l’OMS elogia Italia e Spagna per la risposta messa in campo per fronteggiare la pandemia, ribaltando una situazione spaventosa; intanto la Russia, terzo Paese al mondo per numero di contagi, ha superato i 660.000 casi accertati: stando ai dati ufficiali annunciati dal centro anticoronavirus, nel Paese sono stati registrati 6.760 nuovi contagi, che hanno fatto salire il totale a 661.165, mentre le vittime ufficiali sono 9.683, di cui 147 decedute nell’ultima giornata. In Gran Bretagna il contagio quotidiano è ai minimi, ma si contano ancora decine di morti, che rendono il Paese il terzo al mondo per vittime, dopo Stati Uniti e Brasile, con 43.991 decessi; ci sono poi focolai di diffusione anomala dell’epidemia, ragion per cui le restrizioni potrebbero essere estese dalla città di Leicester anche a quelle di Bradford, Barnsley e Rochdale. Nel mondo, secondo l’ultimo aggiornamento della Johns Hopkins University di Baltimora, le persone che hanno contratto il virus sono in totale 10.695.608 e di queste 516.255 sono morte per le complicanze legate al virus.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi