You are here
Caos precari: assemblea dei lavoratori al Ruggi Attualità 

Caos precari: assemblea dei lavoratori al Ruggi

La Regione Campania ancora ritarda a dettare le linee guida e di indirizzo in alla definizione delle procedure da attivare per la stabilizzazione dei lavoratori precari quindi la CISL FP di Salerno ha indetto un’assemblea degli interessati per stabilire le azioni di lotta da mettere in campo l fine di far lievitare la vertenza e costringere ad affrontare la materia senza ulteriori indugi – questo è il commento di Pietro Antonacchio Capo Dipartimento della Sanità Pubblica e Privata per la CISL FP di Salerno.

Inoltre la scadenza al 30 giugno 2022 dei contratti per gli oltre 700 dipendenti del comparto dei vari livelli, dai professionisti sanitari ai tecnici, passando per gli amministrativi, se come ha già fatto la ASL di Salerno impone  di prorogare i contratti per tutti gli operatori interessati al 31 dicembre 2022, anche all’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno poiché la Regione è totalmente disattenta sulla materia, deve aprire un confronto in tutte le aziende territoriali  per favorire un processo di riorganizzazione della filiera sanitaria che ha mostrato tutti i suoi limiti nell’affrontare l’epidemia Covid, emergenza che sembrerebbe poter ripristinarsi nel breve periodo a causa delle innumerevoli varianti del virus. Secondo il Segretario Provinciale CISL FP Salerno – Alfonso Della Porta – il fabbisogno di personale è evidente per l’ente salernitano che complessivamente necessita per il triennio 2020/2022 di circa 1411 di cui 643 per il personale del comparto dell’area sanitaria – infermieri, tecnici di radiologia e di laboratorio –  e sociosanitaria – operatori socio sanitari – e pertanto è obbligo definire i processi di reclutamento all’interno del quale la stabilizzazione dei lavoratori precari è una obbligata necessità. Il tutto ovviamente in un complessivo e complesso quadro generale di reclutamento di tutte le altre figure sanitarie, professionali, tecniche ed amministrative necessarie sia dell’area del comparto che della dirigenza tutta.  Oggi in assembla decideremo le strategie da mettere in capo – concludono i responsabili della sanità salernitana per la CISL FP Antonacchio e Della Porta – è se necessario attiveremo azioni di lotta più incisive a sostegno della vertenza.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.