You are here
Asl Salerno, la Cisl Fp attiva lo stato di agitazione e chiede la convocazione dinanzi al Prefetto Attualità 

Asl Salerno, la Cisl Fp attiva lo stato di agitazione e chiede la convocazione dinanzi al Prefetto

 A seguito dell’assemblea dei delegati della Rappresentanza Sindacale Unitaria dei lavoratori del comparto, tenutasi lo scorso 31 ottobre, la segreteria territoriale di Salerno della Cisl Fp ha proclamato lo stato di agitazione al fine di “denunciare l’Asl Salerno nelle sedi competenti per condotta antisindacale” – a dichiararlo sono il Segretario Provinciale Cisl Fp Alfonso Della Porta congiuntamente al Capo Dipartimento della Sanità Pietro Antonacchio. “Non è servito a nulla il tavolo di raffreddamento dinanzi al Prefetto per il tentativo di conciliazione – dichiarano gli stessi – che continuano e nonostante l’impegno assunto dalla amministrazione siamo ancora in una posizione di stallo. Ci viene da pensare che sia stata solo una manovra politica per placare gli animi prima delle elezioni nazionali. Purtroppo c’è da dire che il tempo delle attese è finito. Sono ormai più di tre anni che le relazioni sindacali sono tutt’altro che stabili in ASL se non addirittura inesistenti e ora, con la nuova Direzione Strategica che ormai si è insediata da 3 mesi nulla è cambiato anzi si aggiunge il totale spregio nei confronti delle relazioni sindacali anche su accordi sottoscritti che non sono stati onorati in continuità amministrativa e che anzi sono smentiti, perché secondo quanto sostenuto dalla Parte Pubblica c’è uno sforamento di 800.000 euro. Però non ci forniscono informazioni sui fondi relativi agli anni 2018 – 2019 per essere preparati al confronto – incalzano Della Porta e Antonacchio.
Allo stato la situazione è più che drammatica – dichiarano i delegati RSU Araneo Pietro – Aulisio Giuseppe – Baldi Francesco – Cervone Antonio – Climaco Gianfranco – De Stefano Raffaele – De Vivo Pasquale Gaetano – Di Filippo Iolanda – Di Filippo Stefano – Errico Lucia – Fasolino Paolo – Ferrara Vincenzo – Giugliano Antonio – Iapicco Antonio – La Rocca Maurizio – Lodato Gerardo – Maiorino Gianfranco – Malangone Antonio – Mastrolia Gerarda – Paradiso Gerardo – Pepe Gaspare – Perciabosco Attilio – Pergamo Luigi – Procaccio Giuseppe – Ristallo Antonio – Senatore Giovanni – Solimeno Pasquale – Sparano Emiddio – Vece Silvano – Viciconte Michele – Mirco Marzullo – ed è ineccepibile la mancanza di volontà di procedere alla attribuzione della fascia economica per gli aventi diritto nonostante le risorse lo consentano. Non è più procrastinabile il completamento della procedura delle stabilizzazioni per i lavoratori che hanno raggiunto i requisiti dei 18/36 mesi e le trasformazioni dei rapporti di lavoro per i comandati, lavoratori con contratti a tempo determinato e in aspettativa e per quanti sono in assegnazione temporanea ex. art. 42 bis, anche alla luce del fatto che il fabbisogno stimato consente di stabilizzare tutti gli interessati – concludono così i delegati RSU presenti. Purtroppo abbiamo preso atto che la Direzione Strategica vorrebbe condurre trattive in maniera unilaterale chiedendo approvazione in assenza di opportuna informazione sull’andamento dei percorsi deputati alla contrattazione, senza dare possibilità alle parti sindacali di negoziare e, prima come ora, vuole mantenere relazioni tutt’altro che conformi al contratto collettivo nazionale, venendo meno ai principi di responsabilità, buona fede e trasparenza – dichiarano Della Porta e Antonacchio. “La mancata informazione con conseguente lesione della possibilità di agire delle organizzazioni sindacali e dei lavoratori sono la forma mentis di quest’azienda che si prepara al fallimento – continuano – D’altro canto non c’è da meravigliarsi. Un Ente che non valorizza il personale interno, qualificato e con competenze trasversali, attivando percorsi di verticalizzazione e passaggi orizzontali necessari al fine di definire una dotazione organica coerente col fabbisogno assistenziale di certo non può mantenere alti i livelli di efficacia ed efficienza ed è sicuramente destinata all’esternalizzazione dei servizi ai privati. Spiace dover constatare che i basilari diritti sindacali debbano essere sottoposti al vaglio dell’Autorità Giudiziaria e il tutto con ingiustificato aggravio di spese legali sia per la difesa dell’Ente che per la condanna a quelle sostenute dalle controparti a danno dei lavoratori e della collettività a carico dell’Ente ma, oltre a procedere sul fronte dello Stato di Agitazione con consequenziale Sciopero, attiveremo la condotta sindacale ai sensi dell’Art. 28″ – concludono così il Segretario Provinciale Della Porta e il Capo Dipartimento della Sanità Antonacchio.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.