You are here
Allarme scienziati, “a Wembley rischio bomba covid” Attualità Primo piano Provincia e Regione 

Allarme scienziati, “a Wembley rischio bomba covid”

Tra dati giornalieri e proiezioni future, il rimbalzo di contagi nel Regno Unito appare sempre più allarmante, eppure – contrariamente a quanto auspicato da molti esperti e scienziati – Wembley è pronto ad accogliere 60mila tifosi per la finale di Euro 2020. Una scelta, quella del governo britannico, controversa e criticata da chi sottolinea come anche nelle giornata di oggi si siano registrati oltre 32mila nuovi casi, cresciuti del 30% negli ultimi sette giorni sotto la spinta infettiva della variante Delta. E altrettanto netto appare il rialzo dei ricoveri ospedalieri, aumentati addirittura del 56%. Numeri che preoccupano, ma destinati a non modificare la macchina organizzativa in vista della finale di Wembley. Nonostante ci sia chi – come Paul Elliott, docente di epidemiologia all’Imperial College di Londra – è convinto che l’atto finale dell’Europeo rischi di tramutarsi in un’esplosione di contagi, al pari (o persino peggio) di Atalanta-Valencia del febbraio 2020. “I nostri test, condotti in Scozia, hanno evidenziato come i grandi eventi al chiuso, e quelli dove i contatti ravvicinati sono inevitabili, favoriscano la trasmissione del virus – ha dichiarato all’ANSA il professor Paul Elliott -. E’ certamente possibile che dopo la finale si assista ad un aumento dei contagi, soprattutto tra i giovani maschi, che assistono in maggioranza a partite di calcio”. Domani sera, nello stadio londinese, sono attesi fino a 60mila spettatori, il 75% della capienza massima, come già in occasione delle due semifinali europee. Gli ingressi saranno riservati a chi già interamente vaccinato da almeno due settimane, o in possesso dell’esito negativo di un tampone antigenico effettuato nelle 48 ore precedenti. Norme opportune, ma non sufficienti, sostiene Stephen Reicher, membro di un comitato scientifico di monitoraggio della pandemia. “Uno dei problema in questo momento è che il messaggio del governo sembra suggerire che ormai sia passato tutto; che si può decidere liberamente, se indossare o meno la mascherina. E’ ovviamente qualcosa che non diremmo mai, perché questo è il momento di insistere. Soprattutto per quanto concerne i vaccini, sono cruciali, importanti. E negli spazi sovraffollati, bisogna continuare ad indossare la mascherina”.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi