You are here
Variante indiana al covid, due casi sospetti a Napoli Attualità Italia e Mondo Primo piano Provincia 

Variante indiana al covid, due casi sospetti a Napoli

Allarme a Napoli dove un bimbo di 9 anni e un uomo di 77 sono sospetti di aver avuto la variante indiana del covid19. L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che che la variante indiana del Covid-19, è stata trovata in almeno 12 altre nazioni, ma è stata rilevata in oltre 1.200 sequenze caricate nel database ad accesso aperto GISAID “da almeno 17 Paesi”.

E’ attesa a breve la risposta ufficiale del sequenziamento all’ospedale Cotugno di Napoli dei tamponi dei due cittadini italiani. I due soggetti sono ora negativi al virus ma i loro tamponi avevano dato un sospetto di variante indiana sulla piattaforma G Side. I tamponi sono stati analizzati dal centro di sequenziamento al Cotugno a cui lavora anche l’Istituto Zooprofilattico. Le due persone non sono parenti, il bimbo di 9 anni afferisce ai distretti 32 e 33 di Napoli (area che abbraccia Poggioreale, Vicaria, Barra, Ponticelli), mentre l’uomo di 77 anni alla zona di Bagnoli e Fuorigrotta. I due non sono stati in India di recente, né hanno fatto altri viaggi e non sarebbero stati in contatto con persone provenienti dall’India. Intanto l’Asl Napoli 1, in attesa del risultato del sequenziamento, ha effettuato i tamponi su vasta scala a tutte le persone con cui i due sono entrati in contatto negli ultimi 14 giorni, trovando alcuni positivi tra i familiari, che però ora sono tutti negativi.

La variante indiana del Covid potrebbe essere più contagiosa e resistente ad alcuni vaccini e trattamenti. E’ l’allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che nel suo rapporto settimanale ha sottolineato come la variante includa mutazioni “associate a una maggiore trasmissione” e una minore capacità di neutralizzare il virus con alcuni trattamenti con anticorpi monoclonali. Tuttavia, nonostante la sua incidenza in India (che già rappresenta quasi il 40% dei nuovi casi globali), l’Oms la considera ancora solo una “variante di interesse” e non una “variante di preoccupazione”, l’allerta di livello più alto attualmente valida solo per quelle di Regno Unito, Sud Africa e Brasile.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.