You are here
Ucraina, Zelensky: “A Severodonetsk i nostri eroi tengono” Attualità Primo piano 

Ucraina, Zelensky: “A Severodonetsk i nostri eroi tengono”

Le forze ucraine a Severodonetsk hanno “ogni possibilità” di respingere i russi e di “essere forti”, “i nostri eroi mantengono le loro posizioni, duri scontri di strada continuano in città”. Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, nel 103esimo giorno di guerra in Ucraina, ha reso omaggio ai militari che stanno difendendo da giorni la roccaforte nella regione di Luhansk, dove i soldati russi hanno la superiorità numerica. Nel consueto discorso della notte, il presidente ucraino ha detto: “Lysychansk, Slovyansk, Bakhmut, Sviatohirya, Avdiivka, Kurakhove e altri obiettivi dei raid russi sono i punti più caldi del confronto oggi. L’esercito russo sta cercando di usare forze aggiuntive in direzione del Donbass, ma il Donbass ucraino resiste e resiste fermamente”. Poi Zelensky ha affermato che i colloqui di pace con la Russia sono “a livello zero” e che nel frattempo si è sviluppata “una situazione molto minacciosa” nella regione di Zaporizhzhia. E ha espresso gratitudine al premier Boris Johnson. All’indomani dell’annuncio di Londra sulle forniture alle forze armate di Kiev di sistemi lanciarazzi multipli M270 in grado di colpire obiettivi fino a 80 chilometri di distanza e a poche ore dal voto interno al partito conservatore britannico con cui è stata messa in discussione la leadership del capo del governo di Londra, nel suo discorso notturno Zelensky ha voluto ringraziare il Regno Unito per aver fornito esattamente le armi di cui Kiev afferma di aver bisogno per combattere la Russia.
“Sono grato al primo ministro Boris Johnson per la piena comprensione delle nostre richieste e la disponibilità a fornire all’Ucraina esattamente le armi di cui ha così bisogno per proteggere la vita del nostro popolo”, ha affermato. (Adnkronos)

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.