You are here
Sarno, anche il Comune di Certaldo piange la scomparsa di Nunzia Morosini Provincia Provincia e Regione 

Sarno, anche il Comune di Certaldo piange la scomparsa di Nunzia Morosini

Cordoglio per la scomparsa di Nunzia Morosini, di Sarno. A lutto anche il comune di Certaldo dove per 15 anni ha gestito la biblioteca specialistica e l’archivio storico dell’Ente Boccaccio, e collaborato con la Biblioteca Comunale Bruno Ciari, entrando molto bene in relazione con la comunità dei lettori certaldesi, partecipando attivamente, ai numerosi progetti ed eventi di promozione della lettura per bambini e adulti organizzati sul territorio. Importanti anche le collaborazioni con le Biblioteche della rete ReaNet per l’organizzazione di specifici laboratori didattici sul libro antico e con l’associazione culturale Giovanni Boccaccio, che organizza il Premio Letterario Giovanni Boccaccio.
“Siamo vicini al dolore dei familiari – fa sapere l’Amministrazione comunale di Certaldo -. Tutta la comunità piange la perdita di una donna generosa e appassionata, di grande cultura e competenza, che ha fatto della promozione del libro e della lettura la sua missione di vita”.
Una missione che, oltre alla formazione con la laurea il Lettere Moderne all’Università degli Studi di Salerno, il diploma in Archivistica, Paleografia e Diplomatica, il corso di restauro di libri e stampe antiche presso il CFP di Cremona e alle varie esperienze professionali, ha portato avanti anche nella vita privata e nel volontariato. Nunzia era infatti operatrice e volontaria del programma nazionale Nati per Leggere, promosso dall’Associazione Italiana Biblioteche, di cui era socia, dal Centro per la Salute del Bambino e dall’Associazione Pediatri, che favorisce la lettura in famiglia in età precoce. Non solo, era anche operatrice del programma nazionale Nati per la Musica, che incoraggia la musica in famiglia, e del progetto Mamma Lingua, che si rivolge ai bambini di età tra 0 e i 6 anni di famiglie straniere per valorizzare l’importanza della lingua madre, e fondatrice dell’associazione “La Navicella di Minerva” con l’obiettivo di diffondere la cultura, in particolare il libro e la lettura, anche attraverso progetti educativi nelle scuole di ogni ordine e grado.
“La ricordiamo con affetto per la sua competenza, gentilezza e generosità – scrivono in una nota i colleghi della Biblioteca “Bruno Ciari” di Certaldo -. Con il suo entusiasmo e la sua passione è riuscita a trasmette a tutti, collaboratori e lettori, le molteplici conoscenze e competenze acquisite nel suo lungo percorso di studio e di esperienza professionale.
“Fino alla primavera del 2021 Nunzia Morosini ha costituito una presenza costante nella vita dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio, in cui svolgeva le funzioni di segretaria, archivista, bibliotecaria – fanno sapere i componenti del Consiglio direttivo e del Consiglio scientifico dell’Ente -. Noi tutti eravamo profondamente legati a Nunzia, abbiamo apprezzato la sua dedizione al lavoro, la sua affettuosa discrezione, la capacità di costruire una rete di relazione intorno all’Ente, i laboratori che si è inventata e hanno animato Casa Boccaccio, la sua passione per la didattica rivolta ai più piccoli, che ha avuto un felice esito in due libri per bambini”.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.