You are here
Riaperture, oggi il Cts analizza le linee guida delle Regioni: cosa succede Attualità Italia e Mondo [email protected] Provincia e Regione 

Riaperture, oggi il Cts analizza le linee guida delle Regioni: cosa succede

Oggi riunione del Cts per analizzare le linee guida delle Regioni dulle riaperture e il green pass per gli spostamenti. L’incontro è stato convocato per oggi alle 17. “Il rischio calcolato” delle riaperture “va corso sennò rischiamo, in una parte del Paese, la disperazione sociale” ha avvertito ieri il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, a Mattino 5. “Il Paese – ha sottolineato – non può rischiare la pandemia economico-sociale mentre sta cercando di sconfiggere quella sanitaria”.

Riaperture che seguiranno un percorso graduale, come ha ricordato a Zapping Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli Venezia Giulia e neo presidente della Conferenza delle Regioni. “Il governo ha fatto una scelta di anticipare i tempi con una gradualità nelle riaperture, anticipandole perché l’alternativa è che tutto stava chiuso. E’ un percorso graduale, poi mi auguro, se le cose continueranno con una diminuzione della ospedalizzazione e dei contagi, che in poche settimane si potranno garantire maggiori aperture” ha detto Fedriga sull’ipotetico scontro tra ristoratori che hanno disponibilità di spazi all’aperto e colleghi penalizzati dall’assenza e costretti a restare chiusi. “Anche sull’interno in Conferenza abbiamo già proposto le nostre linee guida al governo – ha aggiunto – Sicuramente penso che tra qualche settimana si possa pensare di ampliare le categorie. C’è stato un netto cambio di passo, bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno, sapere che la prospettiva è di non chiudere più”.

Sulle riaperture, però, tra gli esperti c’è chi come il virologo Andrea Crisanti avverte che “i numeri non giustificano queste decisioni del governo”. L’Inghilterra è arrivata a queste scelte con “15 morti” di Covid-19 “al giorno, 2mila casi e il 70% della popolazione vaccinata. Vorrei capire cosa è stato calcolato e ragionato, quanti morti siamo disposti a tollerare”. “Non si vaccina con alti livelli di trasmissione, è un azzardo biologico – ha detto il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’università di Padova, ospite di ‘The Breakfast Club’ su Radio Capital – In questo modo si dà al virus l’opportunità di mutare. Bisogna adottare il modello inglese, che ha accelerato con la campagna vaccinale quando i contatti tra i cittadini erano ridotti”.

COPRIFUOCO

Al centro del confronto anche il coprifuoco. “Credo che una riflessione sull’allungare di un’ora” l’inizio del coprifuoco, “soprattutto consentendo la cena nei ristoranti all’aperto, possa essere una riflessione sulla quale approfondire” ha spiegato, rispondendo a una domanda sulla possibilità di far slittare l’inizio del coprifuoco dalle 22 alle 23, il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, intervenuto a ‘Buongiorno’ su Sky Tg24. “Credo che l’importante non è” se si allungherà l’orario già “dal 26 aprile o dal 1 maggio. Stiamo facendo delle riflessioni. L’importante è iniziare questa fase di riapertura, ridare speranza e fiducia ai nostri cittadini. Se l’allungamento” dell’orario in cui scatta il coprifuoco “arriverà una o 2 settimane dopo, non credo sia questo il problema. Credo che dobbiamo essere consapevoli che è iniziata una fase nuova” ha affermato Costa. “Io credo che l’importante è che da lunedì prossimo nel nostro Paese inizia una fase di riapertura, ovviamente graduale e con un grande senso di responsabilità che chiediamo ai cittadini. Non è un liberi tutti, ci vuole tanta consapevolezza e la convinzione che siamo all’inizio di un percorso – ha evidenziato il sottosegretario – Siamo di fronte a un percorso graduale. Il Paese ci chiedeva una discontinuità e mi pare che le scelte che il premier Draghi ha espresso siano scelte di responsabilità. Finalmente la politica si è assunta la responsabilità di decidere”.

Matteo Salvini è tornato a chiedere lo stop al coprifuoco. “Il rischio zero non esiste. Gli italiani hanno portato enorme pazienza e siamo arrivati al limite. Stiamo lavorando per far cadere altri due tabù: il coprifuoco e le riaperture dei locali al chiuso” ha detto il leader della Lega alla stampa davanti a palazzo Madama.

Sulle riaperture “chiediamo al governo un cambio di paradigma. Per noi non è nelle prerogative del governo italiano stabilire se e quando i cittadini possono uscire di casa o tenere aperta la loro attività” ha dichiarato la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, al termine dell’incontro sul Recovery a Palazzo Chigi con il premier Mario Draghi in cui, ha spiegato, si è parlato anche del tema delle aperture. “Le norme possono essere anche stringenti – ha riconosciuto Meloni – se non bastano due metri se ne mettono cinque. Ma la norma deve essere generale e riguardare tutti. Il governo si deve assumere la responsabilità dei protocolli ma dopo più di un anno non si può più consentire che il governo stabilisca chi può fare o non fare qualcosa. Cose come il coprifuoco, che non c’entrano niente con la lotta al contagio, per Fdi non si possono più portare avanti. Su questo siamo stati molto fermi”. “Il coprifuoco non ha alcun senso – ha poi ribadito a Stasera Italia su Rete4 – Se tu dici che puoi andare al ristorante, al teatro ma entro le 10 di sera, la gente la fai ammassare anche di più e oggi lo abbiamo detto a Draghi”.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.