You are here
REDDITO DI EMERGENZA: SUL SITO DELL’INPS AL VIA L’INVIO DELLE DOMANDE ONLINE Economia Primo piano 

REDDITO DI EMERGENZA: SUL SITO DELL’INPS AL VIA L’INVIO DELLE DOMANDE ONLINE

A partire da oggi è possibile richiedere il Reddito di emergenza previsto dal Decreto Rilancio per supportare i nuclei familiari in difficoltà economica a causa dell’emergenza causata dal Coronavirus.
Le domande potranno essere presentate sul sito dell’Inps entro il 30 giugno 2020 autenticandosi con Pin, Spid, Carta Nazionale dei Servizi o Carta di Identità Elettronica.
Dopo aver effettuato l’autenticazione per il servizio l’utente potrà consultare i manuali che contengono le indicazioni su come compilare correttamente la richiesta.
Si è in attesa della Circolare esplicativa con le indicazioni di dettaglio relative alla disciplina del Rem.
Nelle prime ore sono già arrivate oltre 5mila domande.
La misura prevede che alle famiglie in difficoltà venga riconosciuto un sostegno straordinario il Rem, con un valore compreso fra 400 e 800 euro, a seconda dei componenti il nucleo familiare.
Nelle famiglie in cui vi sono persone in condizioni di disabilità grave o di non autosufficienza la cifra passa a 840 euro.
Per ottenere il Reddito di emergenza il nucleo familiare deve avere un ISEE non superiore ai 15mila euro. Sono esclusi i beneficiari di Reddito di cittadinanza e i pensionati, mentre il patrimonio finanziario giacente non deve superare i 10mila euro per un single.
Il limite viene rimodulato in base al numero di figli e alla presenza di persone disabili.
Per richiedere il Reddito di emergenza ci si può anche rivolgere ai Caf e ai Patronati con cui l’Inps e Ministero del Lavoro stanno aggiornando le convenzioni.
Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Nunzia Catalfo ha evidenziato che sono state già presentate diverse migliaia di domande e che con grande facilità si può accedere al sostegno.
Il Ministro ha evidenziato che si tratta di una misura che intende aiutare tutte quelle famiglie che si sono trovate in difficoltà vista la situazione di emergenza.







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi