You are here
Perin, il Benfica come trampolino di “rilancio” anche in Nazionale Calcio Nazionale Sport 

Perin, il Benfica come trampolino di “rilancio” anche in Nazionale

Mattia Perin è sempre più vicino al Benfica. Il prestigioso club portoghese ha infatti ormai deciso di stringere i tempi per il portiere della Juventus dopo aver visto sfumare le piste Keylor Navas (che non vuole lasciare il Real Madrid) e Jasper Cillessen (preso dal Valencia). A spingere per Perin è soprattutto Manuel Rui Costa, direttore sportivo del Benfica al quale è stato dato pieno mandato dal club per risolvere la questione portiere. L’operazione può chiudersi con la formula del prestito e diritto di riscatto fissato intorno ai 15 milioni di euro. Un anno fa i bianconeri avevano pagato al Genoa 12 milioni e bonus. Una buonissima occasione per Mattia Perin, che deve recuperare parecchio terreno dopo l’ultima pessima stagione, condizionata anche dalla sfortuna: è per esempio fermo da due mesi in seguito a un delicato infortunio alla spalla. Al momento del passaggio alla Juve, il 27enne ragazzo di Latina era in Nazionale da «vice scomodo» per Donnarumma, ed era allo stesso tempo convinto di potersi giocare concretamente il posto da titolare con Szczesny a livello di club. Eppure Andrea Agnelli era stato chiaro dopo la partenza di Buffon: «Szczesny è il nostro numero uno». Probabilmente sottovalutate le parole del presidente, un tipo che invece pesa con grande attenzione ogni sua dichiarazione. I numeri di Perin nel 2018-2019 sono piuttosto impietosi: nove presenze appena, tutte in campionato. E in azzurro è fermo a Italia-Olanda 1-1 del 4 giugno 2018. Il Benfica è allora l’occasione giusta per riprendere un certo tipo di discorso: a Lisbona, Mattia lotterà per la “Primeira Liga” e potrà finalmente esordire in Champions League (solo panchina in bianconero). Un trampolino importante per rientrare nella banda Mancini, compito comunque per nulla semplice: difficile oggi mettersi in scia di Donnarumma, Sirigu, Cragno e anche Meret.

 

fonte La Gazzetta dello Sport

scritto da 







Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi