You are here
L’ultima lite fatale per il tentato omicidio suicidio di Marino Provincia Provincia e Regione 

L’ultima lite fatale per il tentato omicidio suicidio di Marino

L’ultima lite è stata fatale. Lei avrebbe voluto lasciarlo, lui non accettava di perderla. Poi la tragedia. Ha impugnato la pistola e sparato quattro colpi nei confronti della moglie. La donna, Annamaria Ascolese ex insegnante della paritaria San Francesco Saverio frazione Lavorate a Sarno, era scappata in terrazzo ed era caduta, vedendola esamine a terra aveva pensato di averla uccisa. Era ritornato nel salotto e si è suicidato  con la pistola di ordinanza. Dramma ieri pomeriggio a Marino, Castelli Romani, dove il 57enne brigadiere dei carabinieri di Sarno Antonio Boccia da anni in servizio nel Lazio e impegnato nel reparto Antidroga della zona Sud della Capitale, dopo un raptus di follia in seguito a un litigio con la convivente, ha impugnato l’arma ed ha fatto fuoco contro la donna, ricoverata in condizioni gravissime presso l’ospedale San Camillo di Roma dove ci è arrivata a bordo di un elisoccorso. Lui si è ucciso sparandosi al cuore.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.