You are here
Liceo Regina di Savoia a Salerno, Dad dal 29 settembre. Gli studenti: “Stavolta non è colpa del mostro covid” Attualità 

Liceo Regina di Savoia a Salerno, Dad dal 29 settembre. Gli studenti: “Stavolta non è colpa del mostro covid”

Dal 29 settembre, giorno della riapertura delle scuole, gli studenti del liceo Regina di Savoia di Salerno, svolgono attività didattica a distanza. E la causa non è da ricercare nel covid. A rendere nota la situazione è una nota dei Rappresentanti degli Studenti (Francesco Guerrazzi, Marco Napoli e Sabrina Rizzo) che scrivono: ”La cosa più grave, poi, è il tempismo nel far accadere tutto ciò. Vogliono dare la colpa al covid, ma questa volta, non è lui il mostro. Se fossimo stati in un periodo normale, questo problema si sarebbe presentato allo stesso modo, probabilmente recando ancora più problemi. L’istituto, dopo anni di collaborazione con il tribunale di Salerno, si ritrova all’apertura dell’anno scolastico privo di elementi strutturali che garantiscano il rispetto delle norme di sicurezza. Dopo vari solleciti agli enti di competenza da parte della nostra dirigente, ad oggi siamo ancora senza alcuna risposta.
Noi studenti viviamo una situazione di disagio, privati di un nostro diritto.
I problemi che abbiamo riscontrato dall’inizio dell’anno scolastico, potevano essere ridotti al minimo con il nostro rientro a scuola negato. In fin dei conti, durante il lockdown, abbiamo già affrontato questa situazione e i propri difetti e, a giugno, ne siamo usciti a testa alta, fiduciosi che nel futuro non si ripetessero. Invece, ci siamo ritrovati nella stessa situazione della quarantena, costretti quindi a crollare negli stessi problemi della DAD che causano noi, componente scolastica, effetti per lo più negativi: infatti il profitto e soprattutto il nostro apprendimento vengono messi in secondo piano, in quanto le spiegazioni effettuate mediante la didattica a distanza non ci consentono di apprendere al meglio nozioni fondamentali che sarebbero state recepite più facilmente in presenza, e questo è dovuto al contatto diretto col professore. Inoltre, per quanto riguarda l’aspetto psicologico, noi studenti stiamo subendo le conseguenze di questa situazione, che sta creando danni in particolar modo alla nostra socialità; difatti avvertiamo la necessità di ritornare a godere del contatto umano che solo a scuola possiamo avvertire, non solo con i nostri compagni di classe (che ormai non vediamo dal vivo da mesi e mesi, e con i quali abbiamo condiviso anni fondamentali della nostra formazione), ma anche col resto degli studenti La scuola è ed è sempre stata una piccola società, un ambiente all’interno del quale noi alunni abbiamo la possibilità di confrontarci liberamente riguardo idee, pensieri e avvenimenti. Quindi non si tratta solo di studio, ma anche di crescita umana ed emotiva.
Infine, l’essere costretti a stare a contatto con computer e telefoni cellulari per ore ed ore, nuoce alla nostra salute fisica. Giungendo così alla fine della giornata scolastica ( che è stata ridotta) stanchi, forse anche più di come ci saremmo trovati se fossimo andati a scuola, e avvertendo dolori fisici come agli occhi e alla schiena”.
L’appello degli studenti è alla città di Salerno. “Siamo stanchi e sfiniti di dover continuare a studiare per il nostro futuro in queste condizioni. Ci sentiamo ostacolati nella nostra crescita culturale e sociale, alimentando in noi una forte sfiducia nelle istituzioni pubbliche e negli enti che dovrebbero tutelarci. Confidiamo in primis nell’opinione pubblica che, condividendo il nostro stato di disagio, ci aiuterà a far conoscere a tutti le ingiustizie sociali che stiamo vivendo. In questa situazione noi stiamo ricevendo meno del dovuto, nonostante il grande prestigio storico della nostra scuola, e l’importanza di un’istituzione che , come poche, riunisce studenti di tutta la provincia di Salerno”.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi