You are here
L’appello dei candidati De Martino e Marro “Ora tocca a noi, cambiamo Nocera”. Politica Provincia Provincia e Regione 

L’appello dei candidati De Martino e Marro “Ora tocca a noi, cambiamo Nocera”.

 Un appello appassionato, deciso. “Ora tocca a noi cittadini, con questo voto abbiamo finalmente l’occasione per far rinascere Nocera, non possiamo sprecarla”. A lanciarlo sono Alfonso De Martino e Bianca Marro, candidati di “Uniti per il Futuro” in appoggio al candidato sindaco Antonio Romano. In queste settimane i due candidati sono stati sempre in prima fila prendendo posizione su decine di temi: dalla difesa del lavoro allo sviluppo dell’area industriale, da Montevescovado alla sanità, dalla macchina comunale al bilancio, dalle tariffe sull’acqua alle piste ciclabili, dal Daspo urbano ai beni culturali, dalla viabilità alla sicurezza, dalla difesa delle donne a quella dei disabili. E molte volte sono intervenuti per denunciare l’amministrazione uscente. “Veniamo da dieci anni di politica del nulla – spiegano – con un’amministrazione chiusa in se stessa, che non ha mantenuto nessuna delle promesse che ha fatto e che ci lascia una Nocera più povera, più triste, più sporca, più lontana dai cittadini. L’erede dichiarato di quell’amministrazione è il candidato sindaco De Maio. Un candidato che non solo quando parla non si capisce nulla, ma che è l’unico imposto dai corridoi di partito”. “Uno dei tanti paradossi che rappresenta De Maio – continuano – è quello di presentarsi come candidato di sinistra. Ma la sinistra una volta era dalla parte dei lavoratori. De Maio invece, per dirne una, era a capo della maggioranza comunale che i lavoratori e i cittadini di Nocera li voleva denunciare e mandare in galera perché avevano manifestato pacificamente. Ma scherziamo? Ma come si fa a votare chi voleva denunciare i lavoratori e cittadini? Sempre De Maio, per capirci, è colui che sulla sanità fa incontri carbonari con i rappresentanti del potere mentre noi, con Romano, abbiamo incontrato pubblicamente i sindacati e decine di lavoratori”. “De Maio e compagnia – continuano – ci lasciano una città dove due persone su tre non si ritengono libere, e non lo diciamo noi ma la ricerca di uno dei principali istituti italiani, SWG”. “Quanto ai contenuti – incalzano i due candidati – abbiamo dimostrato che De Maio in questa campagna elettorale ha promesso, usando perfino parole identiche, esattamente le stesse cose che aveva promesso nelle elezioni precedenti, ovvero le cose che non sono mai state realizzate, tra l’altro sprecando finanziamenti europei già concessi”. “I prossimi anni – concludono – saranno decisivi per Nocera, anche grazie ai fondi del PNRR. Serviranno esperienza, capacità di fare, concretezza, serietà, cultura. Bisognerà essere al servizio dei cittadini e non degli apparati di partito. Insomma, l’esatto opposto di chi, con la vecchia amministrazione, ha portato Nocera a perdere su tutti i fronti, dal lavoro ai servizi, dalla sanità al rapporto con i cittadini. Noi riteniamo che nessuno come Antonio Romano, e lo dimostra la sua storia, abbia le caratteristiche e le capacità che servono. Per questo cambiare pagina oggi non è solo possibile, è assolutamente necessario. Per respirare, Nocera ha bisogno di aria nuova, e pulita”.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.