You are here
LA CISL: “CONTRO I SETTARISMI PER UNA PACE GIUSTA CHE DISTINGUA AGGRESSORI E AGGREDITI” Attualità 

LA CISL: “CONTRO I SETTARISMI PER UNA PACE GIUSTA CHE DISTINGUA AGGRESSORI E AGGREDITI”

Dopo una lunga trattativa, la Rete Pace e Disarmo ha definito la piattaforma a base della manifestazione nazionale del 5 novembre e delle iniziative territoriali di preparazione ed avvicinamento.2 La richiesta di cessate il fuoco per avviare negoziati diplomatici è preceduta dal riconoscimento di chi sia l’aggressore, con logiche imperiali, e chi sia l’aggredito. Su questo presupposto essenziale la CISL ha sottoscritto l’iniziativa aderendo, di conseguenza, alla manifestazione nazionale e a quelle territoriali. A Salerno è accaduto che si sia voluto costruire un’iniziativa convocandola attraverso un tam-tam su What’sApp, utilizzando rubriche assolutamente non inclusive, nelle quali importanti organizzazioni sociali (pur aderenti alla Rete Pace e Disarmo) sono “spiegabilmente” state tagliate fuori. La spiegazione sta nell’inveterato settarismo di taluni “sacerdoti del pacifismo nostrano” che faticano a buttare lo sguardo oltre il personale recinto ideologico, alimentando un narcisismo politico sempre più settario, sterile ed escludente. Con sincero rammarico, non saremo presenti questa sera in piazza Portanova, saremo invece convintamente presenti a Roma” afferma il segretario generale provinciale della Cisl Gerardo Ceres.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.