You are here
Il sindaco di Salerno Enzo Napoli sul 25 aprile: “E’ il giorno che chiuse una delle pagine più vergognose e crudeli della nostra storia” Attualità Primo piano 

Il sindaco di Salerno Enzo Napoli sul 25 aprile: “E’ il giorno che chiuse una delle pagine più vergognose e crudeli della nostra storia”

Sul 25 aprile è intervenuto il sindaco di Salerno Enzo Napoli. “La Celebrazione della Liberazione Nazionale è in primo luogo la preziosa occasione per rinnovare l’eterna gratitudine a coloro che, militari o civili, consacrarono la loro vita alla lotta contro il nazifascismo ed alla conquista della libertà. Il loro sacrificio riscattò l’onore nazionale chiudendo una delle fasi storiche piu’ vergognose e crudeli della nostra storia”. Questa parte del messaggio con il quale il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli vuole ricordare la festa della Liberazione che ricorre domani – “il fascismo distrusse le liberta’ personali e collettive, alimento’ odio e violenza. La Resistenza restitui’ al popolo italiano la sua fierezza e la sua dignita’. Salerno, gia’ Capitale d’Italia, ed i salernitani hanno svolto un ruolo fondamentale in questo processo di riscatto storico e civile. Proprio a Salerno i partiti politici impegnati contro il fascismo decisero di unire tutte le forze nel comune intento di liberare la Patria dall’invasore straniero e dalla dittatura. Una sintesi eroica di nobili intenti che ispiro’ la nostra meravigliosa Costituzione che ancora oggi rappresenta un faro brillante in una fase storica complessa e tempestosa”. Per la fascia tricolore, “pur con tutte le differenze, la nostra comunita’, la nostra Patria, l’umanita’ intera sono impegnate – oggi come allora- in una lotta di liberazione. Il nemico che stiamo sfidando e’ invisibile ma mortifero. Ha prodotto lutti e dolore, devastazioni sociali ed economiche. Siamo impegnati da oltre un anno in questa battaglia ed entriamo adesso nella fase decisiva nella quale bisognera’ completare la campagna vaccinale e garantire la ripresa in sicurezza di tutte le attivita’. La scienza, l’organizzazione logistica, la dedizione del personale – al quale esprimo gratitudine – impegnato nei servizi socio-sanitari ed essenziali sono armi potenti. Ma la piu’ potente arma di tutte e’ il nostro senso di responsabilita’ personale e collettiva: non esistono controlli e limitazioni che tengano se non pratichiamo le regole essenziali anti Covid-19. Vinceremo tutti insieme la nostra guerra contro il Covid. E tutti insieme torneremo nuovamente liberi e felici”conclude il primo cittadino.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.