You are here
Il 23 giugno 1994 il Sudafrica libero dall’Apartheid torna nell’Onu Attualità 

Il 23 giugno 1994 il Sudafrica libero dall’Apartheid torna nell’Onu

Accadde oggi: il 23 giugno 1994, 27 anni fa, la Repubblica Sudafricana, dopo aver abolito le leggi sull’Apartheid, viene riammessa all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. L’apartheid fu dichiarato crimine internazionale da una convenzione delle Nazioni Unite, votata dall’assemblea generale nel 1973 ed entrata in vigore nel 1976 , quindi successivamente inserito nella lista dei crimini contro l’umanità.

In Sud Africa le celebrazioni per ricordare il 45° anniversario delle rivolte contro il regime dell’apartheid. Era il 16 giugno 1976 quando migliaia di studenti della township di Soweto, ghetto a sud di Johannesburg, scesero in piazza per denunciare l’imposizione di un decreto governativo per l’insegnamento della lingua afrikaans. La polizia sparò sui manifestanti e il Paese sprofondò in un clima di violenza

L’afrikaans era considerata come il simbolo della cultura dell’oppressore, per questo gli studenti avevano deciso di opporsi all’uso di questo idioma e di boicottare le lezioni. Questa scelta venne appoggiata anche dal South African Students’ Movement (SASM), che nel 1976 decise di organizzare una manifestazione per il 16 giugno: i giovani avrebbero dovuto confluire presso l’Orlando Stadium di Soweto dove si sarebbe tenuto un raduno. Questo nuovo fermento tra gli studenti nasceva dopo che negli anni sessanta era stato represso l’African National Congress, il più importante partito politico sudafricano, da cui nel 1944 era nata la lega giovanile e che vedeva tra i fondatori anche Nelson Mandela. Alla metà del decennio successivo, tuttavia, il successo di altre organizzazioni rivoluzionarie nei Paesi vicini alimentò nuove speranze per i neri che intendevano rovesciare la politica segregazionista del National Party, il partito degli afrikaner nazionalisti che a quell’epoca era al governo del Sudafrica.

Una marcia finita nel sangue
Erano oltre quindicimila gli studenti che parteciparono pacificamente a quella giornata, ma ad un certo punto lungo il percorso, un contingente di polizia lanciò gas lacrimogeni per dissuadere i giovani a proseguire. Questi, anziché arrestarsi, risposero lanciando pietre e le forze dell’ordine reagirono sparando alla folla. Quello che successe fu una tragedia enorme. Secondo le fonti ufficiali morirono 618 persone tra cui molti minorenni, come il tredicenne Zolile Hector Pieterson. Migliaia i feriti. Da quel momento iniziarono una serie di proteste in tutto il Paese. Dal mondo studentesco il dissenso si allargò a diversi settori produttivi, con una catena di scioperi da parte degli operai di molte fabbriche. Le richieste erano il rilascio dei detenuti politici, la totale abolizione dell’educazione bantu e l’eliminazione di ogni legge legata al sistema di apartheid.
La reazione della Comunità Internazionale
Le immagini degli scontri fecero il giro del mondo, sensibilizzando l’opinione pubblica internazionale sul problema dell’apartheid. Il governo sudafricano subì una serie di condanne internazionali, incluse nuove sanzioni da parte delle Nazioni Unite che avevano già condannato ripetutamente la politica del National Party. L’economia sudafricana si trovò a dover fronteggiare un embargo su vasta scala. Le pressioni internazionali per fermare l’apartheid giunsero anche da altri settori, come quello sportivo: il Sudafrica venne escluso dalle Olimpiadi nel 1980, dopo che già qualche anno prima, nel 1976, i Paesi africani boicottarono le Olimpiadi in segno di protesta.

Il ruolo chiave di Mandela
Nelson Mandela ha rappresentato il simbolo della lotta contro l’apartheid. Guida per anni del movimento anti-segregazionista, fu ripetutamente imprigionato a partire dal 1952 e nel 1964 venne condannato all’ergastolo. Nel 1984 fu promulgata una Costituzione che attribuì la rappresentanza parlamentare solo ai bianchi mentre ai neri non fu estesa tale possibilità. Nel 1990 fu eliminata la condanna nei riguardi dell’African National Congress, ed il presidente Frederick de Klerk liberò Nelson Mandela, il fautore della lotta contro l’apartheid. Nel 1993, proprio grazie all’intervento di Mandela, il Sudafrica gettò le prime basi per la democrazia. L’anno dopo Nelson Mandela fu eletto presidente del governo, che comprendeva al suo interno anche il Partito Nazionale. Mandela è stato il primo presidente nero in tutta la storia del continente sudafricano.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi