You are here
Il 20 febbraio 1958 promulgata la legge Merlin Attualità 

Il 20 febbraio 1958 promulgata la legge Merlin

Accadde oggi: il 20 febbraio del 1958 venne approvata in Italia una legge, promossa dalla senatrice socialista Lina Merlin, che fece epoca: veniva introdotto il reato di sfruttamento della prostituzione, che umiliava le donne, e furono abolite le cosiddette case chiuse. La ricorrenza è facile da ricordare, visto che la legge stessa indica la data in cui è stata promulgata: 63 anni fa in Italia venne abolita la prostituzione legalizzata, grazie alla legge 20 febbraio 1958, n. 75, passata alla storia come Legge Merlin, dal nome della promotrice nonché prima firmataria della norma, la senatrice socialista Lina Merlin. Questa storica riforma, che è tuttora in vigore nel nostro Paese, ha disposto la chiusura delle case di tolleranza (le cosiddette “case chiuse”) e introdotto i reati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. La prostituzione in sé, volontaria e compiuta da donne e uomini maggiorenni e non sfruttati, restò però legale in Italia (e lo è tuttora), in quanto considerata parte delle scelte individuali garantite dalla Costituzione, come espressione della libertà personale inviolabile (articolo 2 e articolo 13).

Il progetto della senatrice Merlin divenne legge dopo una lunga battaglia e un lunghissimo iter parlamentare (il primo disegno di legge fu presentato nel 1948, l’approvazione definitiva avvenne quando Merlin aveva raggiunto la veneranda età di 70 anni) e si ispirò all’attivista francese ed ex prostituta Marthe Richard, sotto la cui spinta nel 1946 erano state chiuse le case di tolleranza in Francia. Inoltre la Legge Merlin riprende i principi della “Convenzione per la repressione della tratta degli esseri umani e dello sfruttamento della prostituzione”, adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con risoluzione 317 (IV) del 2 dicembre 1949. La scelta tuttavia fece e fa ancora discutere, visto che di fatto la prostituzione esiste tuttora e che chiudendo le case di tolleranza è venuta meno in qualche modo una forma di regolamentazione del fenomeno.

Nel dibattito politico, tra le voci contrarie, emerse in particolare quella dell’intellettuale liberale Benedetto Croce, che sostenne che qualsiasi male ci fosse nelle case di tolleranza era comunque minore che nel caso fossero state abolite: “Eliminando le case chiuse non si distruggerebbe il male che rappresentano, ma si distruggerebbe il bene con il quale è contenuto, accerchiato e attenuato quel male”. Lo stesso Pietro Nenni, compagno di partito della senatrice Merlin, espresse perplessità sulla nuova legge. Alla fine però la riforma passò col voto favorevole di socialisti, comunisti, repubblicani, democristiani e alcuni socialdemocratici, mentre contrari furono liberali, radicali, missini, monarchici, la maggioranza dei socialdemocratici e alcuni dissidenti del PSI.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi