You are here
Il 19 agosto del 1954 muore Alcide De Gasperi, primo premier della Repubblica italiana Attualità 

Il 19 agosto del 1954 muore Alcide De Gasperi, primo premier della Repubblica italiana

Accadde oggi: il 19 agosto del 1954, 67 anni fa, Alcide De Gasperi muore a Borgo Valsugana. Aveva 73 anni. Morì circondato solo dalla sua famiglia, lui che per tanti anni, prima e dopo il fascismo, era stato uno degli uomini pubblici più in vista. La prima generazione dei Popolari, sta lasciando il passo ai giovani della Democrazia Cristiana. La sua ultima battaglia, quella ribattezzata dalla opposizione “legge truffa”, l’ha visto vittorioso in Parlamento, ma alle elezioni del ’53, il premio di maggioranza previsto dalla nuova legge elettorale, non è scattato per pochi voti. Il partito non gli ha perdonato questa sconfitta e lo ha messo da parte. De Gasperi si ritira dalla vita pubblica, amareggiato anche dall’ “Operazione Sturzo” che nel 1953 l’ha contrapposto a Pio XII. Pochi giorni prima della morte disse alla figlia Romana. Adesso ho fatto tutto ciò ch’era in mio potere, la mia coscienza è in pace. Vedi, il Signore ti fa lavorare, ti permette di fare progetti, ti dà energia e vita. Poi, quando credi di essere necessario e indispensabile, ti toglie tutto improvvisamente. Ti fa capire che sei soltanto utile, ti dice: ora basta, puoi andare. E tu non vuoi, vorresti presentarti al di là, col tuo compito ben finito e preciso. La nostra piccola mente umana non si rassegna a lasciare ad altri l’oggetto della propria passione incompiuto. De Gasperi era entrato in Parlamento nel 1921 con il Partito Popolare, di cui era diventato segretario nel ‘24, dopo che Don Sturzo era stato costretto all’esilio da Mussolini.
Nel 1927 viene arrestato per antifascismo. Condannato a 4 anni, rimane in carcere fino all’estate del 1928. Per evitare ulteriori persecuzioni da parte del regime fascista si rifugia in Vaticano, dove viene assunto in qualità di bibliotecario.
Dopo la caduta del fascismo è fra i fondatori della Democrazia Cristiana e ne diviene segretario. Dal dicembre del 1945, De Gasperi diventa Presidente del Consiglio dei Ministri, conservando la carica per sette mandati consecutivi.
Guida l’Italia nel periodo difficile della ricostruzione, riuscendo a condurre le masse cattoliche su posizione democratiche e antifasciste. Chiamato a rappresentare l’Italia alla Conferenza di Pace dopo la Seconda Guerra Mondiale, è “l’uomo del destino”. E’ il 10 agosto 1946 quando inizia il suo discorso al Palais du Luxemburg a Parigi che darà all’Italia almeno la credibilità politica per una partnership internazionale.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi