You are here
Il 10 novembre 1898 ergastolo per Luigi Lucheni, l’omicida della principessa Sissi Attualità 

Il 10 novembre 1898 ergastolo per Luigi Lucheni, l’omicida della principessa Sissi

Accadde oggi: il 10 novembre del 1898 condannato all’ergastolo l’omicida della Principessa Sissi, l’italiano Luigi Lucheni si ucciderà in carcere a Ginevra 12 anni più tardi.

Elisabetta di Baviera, meglio conosciuta come la Principessa Sissi, venne assassinata il 10 settembre 1898. Alle ore 16.30, il presidente della Confederazione Eugène Ruffy, ricevette un telegramma nel quale si comunicava che l’imperatrice d’Austria era morta tre ore dopo un attentato a Ginevra.

L’imperatrice d’Austria era giunta in incognito sulle rive del Lago Lemano verso la fine di agosto del 1898. Poco dopo il suo arrivo i giornali diffusero la notizia che la contessa von Hohenembs che alloggiava presso l’Hôtel Beau Rivage altri non era che l’imperatrice d’Austria. Luigi Lucheni, un italiano che sbarcava il lunario con lavoretti precari, soggiornava da poco in Svizzera dove si era avvicinato al movimento anarchico. Pensava che con un attentato sarebbe entrato a far parte del gotha dell’anarchia. Sperava di riuscire a uccidere il principe d’Orléans di passaggio a Ginevra. Ma non riuscì a incontrarlo. Allora, appresa la notizia diffusa dai giornali, gli venne l’idea di attentare alla vita dell’imperatrice. Al passaggio dell’imperatrice la pugnalò al petto, con un unico colpo preciso; tentò poi di fuggire lungo la Rue des Alpes, gettando l’arma del delitto dinnanzi l’ingresso del civico n. 3. Fu poco dopo arrestato da quattro passanti, non lontano dal luogo dell’attentato. Al commissario che lo interrogava chiedendogli il motivo del suo gesto, pare abbia risposto: «Perché sono anarchico. Perché sono povero. Perché amo gli operai e voglio la morte dei ricchi».

L’imperatrice, che correva verso il battello si accasciò per effetto dell’urto, ma si rialzò e riprese la corsa, non sentendo apparentemente nessun dolore. Fu solo una volta arrivata sul battello che impallidì e svenne. Il battello fece retromarcia e l’imperatrice fu riportata nella sua camera d’albergo; spirò un’ora dopo, senza aver mai ripreso conoscenza. All’età di 60 anni.

Soltanto durante l’interrogatorio il giudice istruttore fu informato che l’attentato aveva avuto conseguenze mortali. Il 10 novembre 1898 la giustizia ginevrina condannò Lucheni all’ergastolo. Il 19 ottobre 1910 si tolse la vita nel carcere dell’Évêché di Ginevra.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi