You are here
Eurostat: cresce ancora l’inflazione nell’Eurozona Lifestyle 

Eurostat: cresce ancora l’inflazione nell’Eurozona

L’inflazione annuale dell’eurozona è attesa al 10,7% nell’ottobre 2022, in aumento rispetto al 9,9% di settembre. Lo rende noto la stima flash di Eurostat, l’ufficio statistico dell’Ue. Guardando alle principali componenti dell’inflazione dell’area dell’euro, si prevede che l’energia avrà il tasso annuo più alto in ottobre (41,9%, rispetto al 40,7% di settembre), seguita da cibo, alcol e tabacco (13,1%, rispetto all’11,8% di settembre), beni industriali non energetici (6,0%, rispetto al 5,5% di settembre) e servizi (4,4%, rispetto al 4,3% di settembre).

Nella prima metà del 2022, i prezzi medi dell’elettricità per uso domestico nell’Ue sono aumentati notevolmente rispetto allo stesso periodo del 2021, passando da 22,0 euro per 100 kWh a 25,3 euro per 100 kWh. Anche i prezzi medi del gas sono aumentati rispetto allo stesso periodo del 2021, passando da 6,4 euro per 100 kWh a 8,6 euro per 100 kWh nella prima metà del 2022.

I costi dell’energia e delle forniture, influenzati dall’attuale situazione geopolitica e dall’aggressione militare russa in Ucraina, hanno principalmente determinato l’aumento. E’ quanto si legge in un report dell’Eurostat. Rispetto a un anno fa, il peso di tasse e imposte nelle bollette finali di elettricità e gas addebitate alle famiglie nella prima metà del 2022 è diminuito in modo significativo, poiché gli Stati membri hanno messo in atto indennità e sussidi governativi per mitigare i costi energetici elevati, spiega l’Eurostat.

Fonte: ANSA.it

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.