You are here
Cagnolina uccisa a Salerno, l’imputato chiede lo sconto Cronaca Primo piano 

Cagnolina uccisa a Salerno, l’imputato chiede lo sconto

A due anni di distanza dall’episodio, che il 15 febbraio 2017 fece scalpore e suscitò indignazione nella città di Salerno, vive un momento importante il processo per l’uccisione di Chicca, la cagnolina pestata dal suo padrone nel quartiere Pastena. L’imputato ha infatti chiesto di essere giudicato con rito abbreviato, in modo da poter ottenere uno sconto di pena. Si torna in aula lunedì 8 aprile.

Già esaminate le richieste di costituzione di parte civile delle numerose associazioni di tutela degli animali che, sin dalla prima udienza, hanno partecipato al processo. Il giudice Paolo Valiante ha ritenuto opportuna l’ammissione di tutte le associazioni, sia nazionali che locali, aventi un collegamento con il territorio. Fonte: La Città di Salerno

scritto da 







Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi