You are here
Arianna, l’Agenzia delle Entrate bussa a soldi: vuole 81mila euro, l’imposta dei 3milioni di danni che non ha ricevuto Provincia Provincia e Regione 

Arianna, l’Agenzia delle Entrate bussa a soldi: vuole 81mila euro, l’imposta dei 3milioni di danni che non ha ricevuto

Dopo il danno arriva anche la beffa per i genitori di Arianna Manzo, la 15enne che all’età di 3 anni fu resa tetraplegica, sorda e ipovedente a causa della errata somministrazione in ospedale di un farmaco: malgrado la famiglia Manzo abbia visto riconosciuto l’enorme danno subito, quantificato dai giudici in 3 milioni di euro, il “condannato” non ha ancora pagato l’imposta relativa alla sentenza, che con le more arriva a oltre 81mila euro, e l’Agenzia delle Entrate ha inviato l’avviso di pagamento alla famiglia che ora rischia un pesante pignoramento.v Il legale della famiglia Manzo, l’avvocato Mario Cicchetti, in merito alla vicenda di cui si occupa oggi il Corriere della Sera, evidenzia “l’irritualità dell’invio di tale accertamento alla famiglia”, e fa sapere di essersi subito messo in contatto con la collega che rappresenta l’ospedale Cardarelli nel giudizio di appello in corso a Salerno per risolvere la querelle: “L’ho invitata a far sostenere tali spese alla sua assistita (l’ospedale, ndr) ma, a tutt’oggi, non ho ancora ottenuto alcun riscontro”.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi