You are here
Accadde oggi: il 25 maggio del 1916 in Italia viene adottata l’ora legale Attualità 

Accadde oggi: il 25 maggio del 1916 in Italia viene adottata l’ora legale

Accadde oggi: era il 25 maggio del 1916, 104 anni fa, quando l’Italia per la prima volta adottò l’ora legale che andò in vigore a inizio giugno di quell’anno.  Successivamente, tra il 1940 e 1948 – ovvero nel periodo della Seconda Guerra Mondiale – fu abolita e rispristinata più volte (con la Repubblica Sociale istituita al nord da Mussolini, per due anni si registrò una spaccatura con il sud del Paese circa l’adozione del sistema), per essere definitivamente adottata nel 1965, in piena crisi energetica. Inizialmente, l’ora legale durava 4 mesi (dall’ultima domenica di Maggio all’ultima di Settembre), poi estesi a sei nel 1980 e, infine, a sette nel 1996, con inizio nell’ultima domenica di Marzo e termine all’ultima di Ottobre). Salvo altri saltuari aggiustamenti, nel 2010 questa durata è stata confermata in Italia, recependo un’apposita Direttiva del Parlamento Europeo.  Lo scopo è quello di consentire un risparmio energetico, grazie al minore utilizzo dell’illuminazione elettrica. L’ora legale, in sostanza, induce ad un maggior sfruttamento delle ore di luce, che sono solitamente “sprecate” a causa delle abitudini di orario: ad esempio, se si è abituati a dormire sempre alle 23 alle 7, d’estate, il sole sorge ben prima; pertanto, utilizzando l’ora legale, è possibile sfruttare l’ora di luce dalle 6 alle 7 e ritardare di un’ora l’accensione della luce elettrica alla sera. Dal 1996, tutti i paesi dell‘Unione Europea, la Svizzera e i Paesi dell’Est Europa adottano lo stesso calendario per l’ora legale. E’ interessante sapere che, in generale,  i Paesi della fascia tropicale non adottano l’ora legale, in quanto la variazione delle ore di luce durante l’arco dell’anno è minima. Nell’emisfero australe, l’ora legale segue un calendario invertito. In Africa, l’ora legale è scarsamente usata. In Russia, dal 2011 è stata abolita l’ora solare (ovvero l’orario invernale, cioè quello corrispondente al fuso orario) mantenendo così tutto l’anno l’ora legale (ovvero l’orario estivo, cioè con gli orologi posti un’ora avanti rispetto al fuso orario).

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi