You are here
Tre giovani pianisti del Conservatorio “Martucci” debuttano al Festival di Ravello Attualità 

Tre giovani pianisti del Conservatorio “Martucci” debuttano al Festival di Ravello

Giovanna Basile, Alessandro Amendola, Quirino Farabella sono i giovani pianisti, allievi del Conservatorio di Musica “Giuseppe Martucci” di Salerno, che questo fine settimana (sabato 12 e domenica 13 ottobre 2019) eseguiranno con l’orchestra diretta dal M° Nicola Samale i quattro concerti di Sergej Vasil’evič Rachmaninov. La location è il prestigioso Auditorium Oscar Niemeyer a Ravello. I concerti sono in cartellone nell’ambito della sezione “La Meglio Gioventù” del Festival di Ravello, edizione 2019. L’ingresso è libero. In questi giorni è un continuo studiare nelle aule dell’istituto di via De Renzi. “Rachmaninov è un post romantico che mette in azione tutti i mezzi tonali della musicale dell’Ottocento all’ennesima potenza e quindi estremamente difficile – dice il M° Samale, interrompendo per una piccola pausa le prove – Parliamo di un pezzo impegnativo. Per il pianoforte è trascendentale ma anche l’orchestra non è un semplice accompagnamento, è un’onda sinfonica con sopra un pianoforte straordinario”. A seguire negli studi i pianisti solisti nella preparazione sono i Maestri Tiziana Silvestri per Giovanna Basile, Olga Zdorenko per Quirino Farabella e Giuseppe Squitieri per Alessandro Amendola.  Sabato 12 ottobre, con inizio alle ore 21, il pubblico potrà ascoltare il Concerto per pianoforte e orchestra n.1 in Fa diesis minore, op.1, solista da Giovanna Basile; a seguire ci sarà il Concerto per pianoforte e orchestra n.2 in Do minore, op.18, solista sarà Alessandro Amendola. Domenica 13 ottobre, dalle ore 19.00, si tornerà ad ascoltare Sergej Vasil’evič Rachmaninov con il Concerto per pianoforte e orchestra n.3 in Re minore, op.30, solista Quirino Farabella, ed il Concerto per pianoforte e orchestra n.4 in Sol minore, op.40, solista Alessandro Amendola. Alessandro Amendola 19 anni, studia pianoforte da 12 anni. Una passione nata quando era bambino, aveva 7 anni: “Mi sento carico, non vedo l’ora di suonare. E’ una bella esperienza, un’opportunità importante che ci concede il nostro Conservatorio”. Alla domanda se Rachmaninov lo spaventa risponde: “è nelle mie mani, mi sento sicuro. E’ il mio autore preferito. La musica è al centro della mia vita. Spero di fare esperienza fuori e poi tornare a Salerno”. Giovanna Basile 21 anni, da 12 ha iniziato il suo percorso di studi: “Vivo in una famiglia di musicisti che mi ha permesso di incontrare la musica. Poi è arrivato il Conservatorio che è stato importante nella mia formazione perché mi ha sostenuto in ogni modo, mi ha offerto tante possibilità”. A pochi giorni dal debutto Giovanna fa affidamento alla sua serenità caratteriale: “Non è facile. E’ la mia prima esperienza con l’orchestra quindi cerco di essere carica. Sono felice”. Quirino Farabella 20 anni, per lui lo studio del pianoforte è iniziato 6 anni fa al Conservatorio di Musica Martucci. “Il pianoforte mi ha rapito da subito, è stata una scelta istintiva. Quando ho di fronte a me gli ottantotto tasti penso al pubblico ed al desiderio di trasmettere le emozioni che provo”. Il suo sogno nel cassetto è di diventare un concertista.

scritto da 







Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi