You are here
Terapia intensiva al modulare “Ruggi”, Antonacchio (Cisl): “Manca il collaudo” Attualità 

Terapia intensiva al modulare “Ruggi”, Antonacchio (Cisl): “Manca il collaudo”

“La terapia intensiva modulare collocata nello stabilimento “Ruggi” dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Salerno per ora non può aprire poiché manca il collaudo“. A dirlo è Pietro Antonacchio Segretario Generale della CISL FP di Salerno il quale ricorda che, pur non volendo entrare nella querelle su altre cause e motivazioni su cui indaga anche la procura, la ragione per cui la terapia intensiva modulare per ora non può aprire è perché manca il collaudo: L’azienda salernitana ha riscontrato l’assenza di alcuni requisiti ritenuti determinanti per l’avvio delle attività.v Infatti la società responsabile dei lavoro di allestimento e realizzazione avrebbe dovuto provvedere a consegnare l’opera al beneficiario, cioè al Ruggi, chiavi in mano ovvero immediatamente operativa. Purtroppo si sono riscontrate invece varie anomalie che sembrerebbero aver determinato l’impedimento all’apertura che, oltre al basamento di appoggio e l’obbligo di creare una parete esterna per evitarne un possibile scivolamento, riguardano anche a lavori interni non coincidenti col bando oppure ritenuti bisognevoli di un miglioramento. Tali rilievi sembrerebbero riguardare assenze di alimentazioni elettriche e di alcuni componenti, non conforme sezione di umidificazione e sistema di filtraggio da potenziare, mancato montaggio delle batterie, accessi non conformi e senza barriere per il superamento degli scalini atteso che i moduli sono collocati a circa 60 cm di altezza dal suolo, invasione della carreggiata stradale e mancanza di alcune prese di alimentazione ai testa letto. “Sarebbe importante comunicare con dovizia di particolari la situazione al Presidente De Luca – sostiene il segretario Cisl del settore sanità– per evitare di fargli fare figure peregrine con dichiarazioni fuori luogo come purtroppo ha fatto sulla funzionalità della terapia intensiva modulare di Salerno. Prima di altri 10/15 giorni non potrà essere funzionante. Spiace dover assistere a danaro pubblico non utilizzato al meglio e il fatto è tanto ancora più grave in quanto la SO.RE.SA. Spa – società regionale sanità – che dovrebbe svolgere azioni finalizzate alla razionalizzazione della spesa sanitaria non ha vigilato adeguatamente sulle caratteristiche che le strutture avrebbero dovuto garantire per essere a norma“.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi