You are here
Tentata estorsione a imprenditore, arrestato assessore di Procida Attualità Italia e Mondo 

Tentata estorsione a imprenditore, arrestato assessore di Procida

Tentata estorsione continuata e aggravata commessa ai danni di un imprenditore sessantacinquenne. E’ l’accusa contestata all’assessore comunale di Procida, Antonio Carannante. Nei suoi confronti è stata eseguita la misura degli arresti domiciliari emessa dal Gip al termine delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli ed effettuate dai carabinieri di Ischia. L’assessore avrebbe prefigurato all’imprenditore, secondo gli investigatori, di voler denunciare presunti abusi edilizi qualora se non avesse consegnato 20mila a una sua cliente, proprietaria di un immobile confinante con il fondo della vittima. Nel corso delle indagini, è stato verificato che, dopo il rifiuto dell’imprenditore, sono stati eseguiti vari sopralluoghi edili sul cantiere, fino ad arrivare al sequestro, poi non convalidato dal Gip del Tribunale di Napoli. È emerso inoltre che l’indagato, approfittando della sua qualità di pubblico ufficiale, sollecitava ed esercitava pressioni sui rappresentanti degli uffici comunali competenti per l’edilizia in relazione a pratiche di alcuni suoi clienti. (fonte agenzie)

 

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi