You are here
Stromboli, esplosione del Vulcano all’alba: paura sull’isola Attualità Italia e Mondo 

Stromboli, esplosione del Vulcano all’alba: paura sull’isola

Una fortissima esplosione, rivoli di fuoco sulla fiancata che dà verso il centro abitato, una grossa colonna di fumo nero in cielo. E tanta paura. Erano da poco passate le cinque questa mattina, quando al primo chiarore dell’alba, lo Stromboli ha svegliato tutte le isole Eolie con un forte boato e tremori. Il fenomeno, meno intenso, si è ripetuto di nuovo alle 6.23. I prodotti generati dalle esplosioni sono ricaduti in tutta la terrazza craterica e lungo la sciara del fuoco. Dal punto di vista sismico è  stata registrata una breve sequenza di eventi esplosivi e un incremento dell’ampiezza del tremore vulcano. Nessun danno si è registrato sull’isola dove il vulcano è costantemente monitorato dall’Istituto di vulcanologia e dalla Protezione civile dopo le due eruzioni – di maggiore intensità – che un anno fa crearono grande allarme e la morte di un giovane escursionista. L’esplosione sull’isola più a settentrione dell’arcipelago ha allertato e messo in apprensione molti turisti, tra cui campani e salernitani in vacanza alle Eolie.

“Ci sono stati momenti di paura, certo, soprattutto dopo quanto accaduto un anno fa, ma è tutto sotto controllo, Non si sono registrati danni né a persone né a cose, per fortuna”, dice il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni, che ha competenza sull’isola di Stromboli. “Queste esplosioni – spiega il sindaco – non sono come quelle dello scorso anno, ecco perché non hanno suonato le sirene. Perché non è motivo di pericolo particolare ma in ogni caso si è attivata la struttura. Infatti, sto andando a Stromboli per questo”. Il sindaco ha già sentito la Prefettura e la Protezione vivile. Ma ripete: “E’ tutto sotto controllo”.

Dopo i fenomenti del 2019, il vulcano è tenuto in costante osservazione dai tecnici e le escursioni sui crateri, che ogni giorno portano sull’isola centinaia di turisti, sono sospese. E’ possibile salire non oltre i 290 metri e solo con l’ausilio di guide.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi