You are here
Stagione YOUNG: “Cappuccetto Rosso” di Michelangelo Campanale al teatro Ghirelli di Salerno Turismo ed Eventi 

Stagione YOUNG: “Cappuccetto Rosso” di Michelangelo Campanale al teatro Ghirelli di Salerno

Un lupo, una bambina, il rosso e il nero, una rosa e un gruppo di danzatori-acrobati. Arriva da lontano con la semplicità di ciò che vive da sempre e per sempre il CAPPUCCETTO ROSSO di Michelangelo Campanale, prodotto da Tra il dire e il fare e la compagnia EleinaD, e vincitore premio EoloAwards2029 come Miglior Spettacolo “per essere riuscito, attraverso l’estro registico e compositivo di Campanale, a ricostruire una nuova e originale versione della celebre fiaba, dove la danza e il teatro, fra citazioni pittoriche e cinematografiche, si uniscono per concorrere a un risultato di grande spessore, riuscendo a suggerire ed esplicitare molti dei sottotesti che la fiaba propone”.

In scena al Teatro Ghirelli nelle giornate di domenica 3 novembre 2019 ore 17 ed in replica per le scuole primaria e secondaria lunedì 4 novembre ore 9.30 e 11.30 lo spettacolo segna a Salerno l’apertura di YOUNG 34a rassegna teatrale per le nuove generazioni di Casa del Contemporaneo, ideata e realizzata in collaborazione con Le Nuvole di Napoli e la cura artistica di Morena Pauro.

Campanale, artista visionario, coadiuvato dal coreografo Vito Cassano, ridisegnano attraverso il teatro, la danza, la musica le arti visive e il cinema la messa in scena di CAPPUCCETTO ROSSO, una storia che grazie alla scrematura del tempo racconta argomenti legati alla vita in maniera semplice, esatta.

La preda preferita del LUPO è Cappuccetto Rosso. Come in un sogno ricorrente o in una visione, cura ogni dettaglio della sua cattura: un sentiero di fiori meravigliosi è l’inganno perfetto. Cappuccetto Rosso attraversa il bosco, a passi lenti, raccogliendo i fiori che il lupo ha messo lì per lei, per condurla sulla soglia di una casa a lei nota ma che non avrà nulla di famigliare. Alla fine il lupo non vince, ma nemmeno muore mai. È inutile, infatti, uccidere il LUPO. La paura è inarrestabile e non morirebbe insieme a lui.

Uno spettacolo per tutti, dove i bambini ritrovano la fiaba e gli adulti possono leggere piani di allusione alla complessa realtà odierna, alle paure sistemiche che ci vengono instillate. Le fiabe tradizionali sono le storie dei rischi e delle prove che bisogna affrontare e della via che si può trovare per uscire da difficoltà apparentemente insormontabili. E in questa partita il LUPO ci aiuta a scoprire che cos’è la paura e quali forme assume, mutevoli e diverse per ogni essere umano. Quella paura che ci accompagna per tutta l’esistenza finchè scopriamo che, quando non diventa più forte della vita stessa, è elemento salvifico dell’istinto primordiale per la sopravvivenza.

 “La fiaba di Cappuccetto Rosso è stata riletta nella dimensione del sogno e della visione e, alla fine, ricomposta nella dimensione narrativa per comunicare le molteplici emozioni che lo spettatore avverte come simultanee, nella scena e nella vita – riferisce Michelangelo Campanale – Motore della ricerca artistica è è stato l’elaborazione di una narrazione di immagini e di linguaggio non parlato, che si sposa perfettamente con la dimensione evocativa degli eventi simbolici della fiaba. La danza, in particolare, porta con sè una carica dirompente e trasgressiva, che partendo dai sensi fornisce chiavi di lettura e consente allo spettatore di aprirsi alla comprensione e all’interpretazione del mondo”.

Sul palco solo l’ensemble complice ed efficace composto dai danzatori di ELEINADClaudia Cavalli, Erica Di Carlo, Francesco Lacatena, Marco Curci, Roberto Vitelli – con cui il regista e il coreografo hanno potuto lavorare lasciando il corpo libero di manifestarsi senza la parola con evidenti richiami all’immaginario dei cartoni animati di inizio ‘900 mentre le luci, i costumi e le scene sono fatti ispirare a Goya, Turner, Bosch, Leonardo da Vinci per definire uno spazio ed un tempo che appartengono davvero a questa grande fiaba che, come tale, è sempre crudele e tenera come qualsiasi esistenza.

 

LA RASSEGNA YOUNG

Cappuccetto Rosso segna il debutto, a Salerno, di “Young” la rassegna che Casa del Contemporaneo dedica agli spettatori più giovani. Non teatro per bambini, dunque, ma un Teatro che possa piacere ad un pubblico eterogeneo e trasversale, dai 3 ai 99 anni.

Young prosegue a Salerno – sempre col teatro danza – con “L’arcobaleno di Bianca”  il 29 e 30 novembre (dai 2 anni); quindi “Cenerentola across the universe” (dai 9 anni) il 5 dicembre.  Il 13 gennaio c’è “Il fiore azzurro” narrazione per attrice e pupazzo (dagli 8 anni); il 19 gennaio è la volta de “I racconti di Gloria” una scatola di legno da cui escono piccoli oggetti, musica e bolle di sapone che danno inizio al racconto (dai 3 anni); il 9 e 10 febbraio, invece, è la volta di “Pollicino” (dai 6 anni). Seguono “AccaDueO” (dai 3 anni) il 1 e 2 marzo, “Zanna bianca” (dai 9 anni) l’11 marzo, “L’omino della pioggia” (dai 3 anni) il 22 marzo. Il 23 marzo spettacolo in inglese (dagli 8 anni) “The strange case of Hotel…Morgue, a homage to Edgar Allan Poe” e, dulcis in fundo, il 25 marzo “Il cielo degli orsi” teatro d’ombre, attore, danza (dai 3 anni).

Complessivamente 11 titoli, scelti per un pubblico di famiglie nei giorni festivi e di studenti in quelli feriali con un’attenzione alla proposta in lingua inglese, inseriti nel più ampio progetto Young rivolto alle nuove generazioni con date e spettacoli in programma anche negli altri teatri di Casa del Contemporaneo a Napoli, Sala Assoli e Teatro dei Piccoli, e a Castellammare di Stabia, Teatro Karol. Una programmazione dunque che si divide – ma al tempo stesso diventa un tutt’uno – in 4 rassegne ricche di spettacoli teatrali che si presentano al pubblico in una vasta contaminazione e sovrapposizione di linguaggi e tematiche.

“Drammaturgie che accompagnano la delicata fase del crescere – riferisce in una nota Morena Pauro, curatrice artistica Young – Obiettivo è quello di stimolare attraverso una proposta leggera, ludica e spesso anche ironica, la formazione di una platea critica che si interroga, a volte si scontra, ma in ogni caso discute dei grandi temi sociali ed etici rivolgendosi al mondo della scuola, della famiglia, ad ogni ambiente sociale”.

Teatro di parola, danza, immagine, teatro in lingua straniera, forme tecnologiche e innovative sono lo straordinario patrimonio di mezzi e linguaggi per raccontare una realtà che si modifica e si evolve oggi a velocità sostenuta.

Ulteriori informazioni sono disponibili su www.casadelcontemporaneo.it e www.lenuvole.it dove sarà possibile trovare anche i dettagli per l’acquisto delle CARD LIBERI TUTTI (a 5 ingressi €35 o a 10 ingressi €60) per venire quando vuoi, con chi vuoi al Teatro Ghirelli e agevolazioni  sull’intera stagione YOUNG di Le Nuvole/Casa del Contemporaneo anche nei teatri di Napoli, Sala Assoli e Teatro dei Piccoli, e Castellammare di Stabia, Teatro Karol.

 

SCHEDA TECNICA

 

CAPPUCCETTO ROSSO

una produzione Associazione Culturale Tra Il Dire e il Fare e compagnia ELEINAD; drammaturgia, regia, scene e luci Michelangelo Campanale; con i danzatori EleinaD: Claudia Cavalli, Erica Di Carlo, Francesco Lacatena, Marco Curci, Roberto Vitelli; coreografie Vito Cassano; assistente alla regia Annarita De Michele; costumi Maria Pascale; video Leandro Summo.

 

domenica 3 novembre ore 17

per la scuola lunedì 4 novembre ore 9.30 e 11.30 su prenotazione a Le Nuvole

 

INFORMAZIONI E BIGLIETTERIA
TEATRO GHIRELLI – Lungoirno, Viale Antonio Gramsci. Interno del Parco urbano dell’Irno. Salerno, 150

349 9438958
[email protected]

www.casadelcontemporaneo.it

 

Come raggiungerci

Autostrada, uscita Fratte
Parcheggio adiacente

 

fb @casadelcontemporaneo @teatroghirelli  @lenuvole

Instagram @casadelcontemporaneo

 

Info YOUNG per il tempo libero
posto unico € 8 (adulti e bambine/i)
acquisto in biglietteria (da 45 minuti prima l’inizio spettacolo)
in prevendita su www.etes.it (con diritti di prevendita) fino a 12 ore prima dello spettacolo o presso i ns. uffici fino alle ore 13.00 del giorno feriale precedente lo spettacolo

card liberi tutti: 5 ingressi € 35 | 10 ingressi € 60

 

Info YOUNG per la scuola
posto unico € 7 (spettacolo in lingua inglese €8) – abbonamento a 3 spettacoli €18
prenotazione obbligatoria a Le Nuvole 0812395653/2397299 (feriali 9/17) e [email protected]

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi