You are here
Sarno inquinato, Borrelli: “Il fiume va salvato, non è uno strumento per affari loschi” Attualità Provincia e Regione 

Sarno inquinato, Borrelli: “Il fiume va salvato, non è uno strumento per affari loschi”

“Salvare il fiume Sarno è una battaglia che conduciamo da sempre, il nostro impegno in sua difesa non conosce sosta e non abbiamo mai temuto di doverci esporre. E’ inaccettabile che perduri una realtà del genere, è ingiusto che si consenta un tale sopruso ai danni della territorio, dell’ambiente e della salute dei cittadini”. Lo afferma Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde.  “Le immagini che arrivano da un residente della zona, riferite a questa mattina , sono inquietanti e gridano giustizia. Acque di color marrone, un colore denso e compatto accompagnato da un odore nauseabondo. Non possiamo assistere a questo scandalo – aggiunge Borrelli – va impedito con rigore ogni forma di oltraggio al patrimonio ambientale. Abbiamo inviato con urgenza la segnalazione all’Arpac, chiedendo un intervento tempestivo. E’ d’obbligo risalire alle cause e ai responsabili, senza indugi”. “Il Fiume va salvato, ha proseguito Borrelli, senza se e senza ma. Non può essere utilizzato come canale di scolo per rifiuti tossici, non può essere uno strumento che facilita gli affari loschi di chi si arricchisce condannandolo a morte sicura”.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi