You are here
Salerno, i giornalisti entrano al Comune su appuntamento Attualità 

Salerno, i giornalisti entrano al Comune su appuntamento

Polemica a Salerno per il ‘press-pass’, il badge voluto dalla Giunta comunale per consentire l’ingresso della stampa in Comune.

Il provvedimento è stato varato lo scorso 5 novembre dalla Giunta ed è contenuto all’interno del disciplinare di accesso al Palazzo di Città. Il regolamento, si legge in una nota diffusa dall’ex magistrato e neo assessore alla Trasparenza e alla Sicurezza, Claudio Tringali, ha l’obiettivo “di elevare i livelli di sicurezza e realizzare un ordinato afflusso agli uffici amministrativi e alle sedi della politica”. Giornalisti, fotoreporter ed operatori televisivi, per accedere al Comune, dovranno dunque prima essere identificati, dopodiché riceveranno un badge. Ma all’interno del disciplinare si precisa che l’ingresso “è comunque sempre subordinato al previo appuntamento, fatta eccezione per le sedute di Consiglio comunale, le conferenze stampa e le manifestazioni pubbliche”.
Eventuali violazioni saranno punite con una sanzione amministrativa che va dai 25 ai 500 euro.
Per l’Amministrazione comunale con l’approvazione del disciplinare si è voluto “ricercare un equilibrato e ragionevole contemperamento tra le esigenze di sicurezza da un lato e quelle della libertà di informazione dall’altro, valori entrambi di rango costituzionale meritevoli di equa tutela”. Ma le regole stabilite dal Comune non hanno trovato la condivisione dell’Ordine dei Giornalisti della Campania che già in precedenza aveva denunciato la scelta – adottata nei giorni successivi all’inchiesta giudiziaria che ha travolto il Comune – di negare l’ingresso dei giornalisti all’interno del Palazzo di Città. “L’Ordine dei giornalisti della Campania denuncia il regolamento medievale e anticostituzionale emanato dal Comune che, nel mezzo di un’inchiesta giudiziaria che coinvolge l’Amministrazione, consente l’accesso ai giornalisti solo su appuntamento e con badge con multe di 500 euro per chi non rispetta la normativa”.
“Una disposizione – si sottolinea – che cancella la libertà di informazione e che contrasteremo con ogni azione, anche legale, a tutela dei giornalisti salernitani”. (ANSA).

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi