You are here
Racket, droga e patto Camorra/’ndragheta: ecco tutti i nomi degli arrestati da Poggiomarino a Scafati, Pagani, Eboli e Nocera Primo piano Provincia Provincia e Regione 

Racket, droga e patto Camorra/’ndragheta: ecco tutti i nomi degli arrestati da Poggiomarino a Scafati, Pagani, Eboli e Nocera

Racket, droga, e una nuova guerra di clan nel Napoletano tra la cosca dominante e storica dei Fabbrocino e un gruppo criminale emergente a caccia di nuovi spazi. In questo scenario, portato alla luce da una inchiesta della Procura di Napoli e dei carabinieri – con 26 arresti, sequestri per 50 milioni e perquisizioni nelle province di Napoli, Salerno, Imperia, Cosenza, Ancona e Reggio Emilia – si innesca anche un patto tra camorra e ‘ndrangheta. Perché il clan riconducibile a Giuseppe Giuliano, detto «o’minorenne», acquistava droga grazie ai contatti con la ‘ndrina calabrese dei Pesce-Bellocco della Piana di Gioia Tauro. La droga era trasportata e custodita da incensurati insospettabili che utilizzavano furgoni per la distribuzione del caffè come copertura per trasferire grossi quantitativi di sostanza stupefacente.

Al clan storicamente già riconosciuto nell’area di Poggiomarino, riconducibile ad Antonio Giugliano noto come «o’savariello»,   si è contrapposta una nuova cosca dopo la scarcerazione del pregiudicato Rosario Giugliano, «o’minorenne», solo omonimo del capoclan. Storico sicario del clan Galasso, Giugliano è rientrato a Poggiomarino nel 2016 grazie ad alcuni permessi premio e poi ottenendo la liberazione al termine di una lunga pena. Da allora ha cercato occasioni e spazi per affermare l’autonomia di un nuovo clan. Alleandosi con i Batti di San Giuseppe Vesuviano e con gruppi criminali dell’agro nocerino sarnese, in particolare con i Ferraiuolo di Pagani mentre, in virtù di legami con il potente clan Moccia di Afragola, ha rivendicato maggiori spazi operativi arrivando più volte allo scontro con il gruppo di Antonio Giugliano, retto dal figlio Giuseppe. Dall’inchiesta è emersa anche una fitta rete di spaccio di cocaina e marijuana, approvvigionata rispettivamente da esponenti del clan Formicola del quartiere di Napoli di San Giovanni a Teduccio, e dalla famiglia Batti. La vendita di droga avveniva mediante pusher anche nella Piana del Sele e nel Cilento e attraverso persone insospettabili come una guardia giurata, il titolare di una pizzeria o l’addetta presso una impresa di pulizie. La sostanza stupefacente, inoltre, era custodita soprattutto da donne e da minorenni. Rosario Giugliano, sottoposto alla sorveglianza speciale, aveva spostato l’asse dei suoi traffici illeciti a Pagani sfruttando anche il sostegno del figliastro Alfonso Manzella Alias zuccherino (neomelodico) condannato insieme a Nicola Liguori per il tentato omicidio ad Angri di Chiavazzo,  che utilizzava le sue canzoni per reclutare nuovi membri del clan e lanciare invettive verso forze dell’ordine e magistratura. Altro settore nel quale il clan si era articolato era il riciclaggio di denaro sporco con l’acquisizione di quote societarie in numerose aziende fuori dai confini della Campania.

Custodia cautelare in carcere
Rosario Giugliano, 60enne di Poggiomarino
Giovanni Urio, 60enne di Napoli
Antonietta Cioffoletti 58enne di Eboli
Domenico VIesti 56enne di Casola Di Napoli
Teresa Caputo 53enne di Pagani
Giuseppe Elia Giosafatte 47enne di Rosarno
Giovanni Orefice di 47enne di Poggiomarino
Antonio Iervolino 45enne di Poggiomarino
Salvatore Tommaso Iervolino 44enne di Poggiomarino
Giuseppe Nappo 36enne di Scafati
Giuseppe Mingo 33 anni di Eboli
Domenico Gianluca Marano, 36enne di Sarno
Antonio Nappo, 35enne di Pompei
Alfonso Manzella 36enne di Pagani
Pasquale Urio 34 anni di Cercola
Luigi Fontanella 34 anni di Gragnano
Francesco De Michele 33enne di Scafati
Michele Iervolino di Ottaviano
Giuseppe Del Regno 31 anni di Battipaglia
Mario Nappo, 31 anni di Napoli
Domenico Sepe 31enne di San Giuseppe Vesuviano
Carmine Vastola 31 anni di Nocera Inferiore
Giuseppe Giuliano Giugliano 30enne di San Giuseppe Vesuviano
Adriano De Filippo 29 anni di Pollena Trocchia
Cristian Sorrentino 28 anni di Pompei
Bruno D’Avino 24enne di Castellammare di Stabia

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi