You are here
«Quel colloquio con il Papa, così lo convinsi a venire a Napoli» Cronaca Primo piano 

«Quel colloquio con il Papa, così lo convinsi a venire a Napoli»

È il 15 novembre 2018 quando Papa Francesco attende il presidente israeliano Reuven Rivlin nella biblioteca della seconda loggia del Palazzo apostolico, in Vaticano. Il Santo Padre ha la consuetudine di arrivare agli appuntamenti con qualche minuto d’anticipo, ma in quell’occasione l’attesa si protrae per un po’ di ritardo nell’arrivo del capo di Stato. Un ritardo benedetto. Proprio quel giorno, e proprio per quella manciata di minuti occupati ad aspettare, accade quello che sarà l’antefatto della prossima visita del Papa a Napoli. Il 21 giugno, Francesco sarà alla sezione San Luigi della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia meridionale, in via Petrarca, per intervenire nel corso del secondo giorno di lavori del convegno organizzato dalla Facoltà sul tema «La teologia dopo Veritatis Gaudium nel contesto del Mediterraneo». Quel giorno, ad aspettare il presidente Rivlin, proprio accanto al Papa, c’era un confratello gesuita, padre Pino Di Luccio, fine conoscitore di ebraico e di arabo, chiamato a fare da traduttore al colloquio. Il religioso, decano e docente di teologia biblica della Sezione San Luigi della Facoltà, è originario di Pollica, più precisamente della frazione di Acciaroli. Ed è salernitano di nascita. Gli chiediamo di quel colloquio con il Pontefice.

«Ho avuto modo di parlare con Papa Francesco – ci racconta – percependo sempre la sua grande capacità di ascolto, per niente formale. S’informa, domanda. E così, parlando, gli ho detto dei progetti della Facoltà teologica e del convegno che stavamo organizzando con l’intenzione di dedicarlo alla costituzione apostolica Veritatis Gaudium circa le università e le facoltà ecclesiastiche. È lui stesso ad averla approvata. In quel momento ho avuto l’idea di chiedergli di partecipare. Lui, là per là, mi ha detto di no. Mi ha risposto: sai che non partecipo a convegni». Intanto il presidente Rivlin arriva accompagnato dalla delegazione israeliana. Il dialogo è informale. Papa Francesco si rivolge al capo di stato con una frase che resta impressa: «Il grano può crescere nel deserto, come nel deserto dell’inimicizia può crescere l’amicizia per avere la pace». E Rivlin gli risponde: «È vero che può crescere il grano nel deserto, noi ci abbiamo portato l’acqua e lo abbiamo visto fiorire». Quando, dopo 35 minuti, il dialogo termina, Francesco saluta Padre Pino con parole che sembrano quasi concedere qualche speranza. Non sono letterali, ma sembra quasi voler dire «teniamoci in contatto su quella questione». Passa qualche giorno. Il teologo dimentica quasi l’invito e forse non crede nemmeno lui che possa essere accolto. E, invece, mentre si trova a fare lezione in un’aula della Facoltà, sente squillare il telefono. Il numero che chiama è sconosciuto. Non risponde e il telefono continua a suonare a vuoto. Risponderà più tardi quando è in uno studio dentistico, in coda per pagare la parcella del medico. «Dall’altra parte – continua a raccontare – è la Santa Sede che mi dà la notizia: il Papa ha accettato l’invito. Verrà a Napoli». Fonte: Il Mattino

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi