You are here
Piana del Sele e Picentini, emergenza sicurezza: sindaci dal Prefetto Cronaca Provincia e Regione 

Piana del Sele e Picentini, emergenza sicurezza: sindaci dal Prefetto

La sicurezza pubblica nel territorio dei Monti Picentini e dei Comuni di Battipaglia, Bellizzi e Pontecagnano Faiano è stato il tema affrontato in Prefettura nel corso di una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto Francesco Russo. L’incontro fa seguito ad alcune richieste fatte dagli Amministratori locali in ragione di eventi criminosi verificatisi di recente nella zona e per i quali le forze di polizia hanno già provveduto ad incrementare la presenza sul territorio e ad intensificare i servizi a seguito di specifiche direttive già impartite in riunioni di coordinamento presso la Prefettura.

I vertici provinciali della Forze dell’Ordine, i Sindaci dei Comuni di Battipaglia, Bellizzi, Pontecagnano, Acerno, Giffoni Sei Casali, Giffoni Valle Piana, Montecorvino Pugliano, Montecorvino Rovella, Olevano sul Tusciano, San Cipriano Picentino, San Mango Piemonte e Castiglione del Genovese, si sono confrontati sulla necessità di contrastare maggiormente il fenomeno dei reati predatori e sul miglioramento delle possibili sinergie che potrebbero svilupparsi sul territorio, coinvolgendo i Comandi delle Polizia municipali dei singoli comuni.

I dati forniti dalle Forze di Polizia ed emersi nel corso della riunione, evidenziano un andamento disomogeneo dei reati commessi nei comuni di questa area della provincia di Salerno, per cui la prevenzione rimane totale l’impegno delle Forze dell’Ordine a presidio del territorio.

Il Prefetto recependo le istanze avanzate dagli Amministratori locali in ordine a tale tematica nel corso di precedenti incontri, oltre a richiedere alle Forze dell’Ordine un’ulteriore intensificazione dei servizi di controllo, ha condiviso con i Sindaci alcune iniziative che in linea con il principio di sussidiarietà, potrebbero essere utili strumenti per incrementare i livelli di sicurezza.

In particolare, è stato proposto ai Sindaci di valutare la sottoscrizione di un accordo che prevede, da un lato l’attuazione di un sistema integrato di sicurezza urbana partecipata, con modalità di coinvolgimento attivo della cittadinanza, attraverso formule di reciproca attenzione e vicinato solidale, che favoriscono la coesione sociale e la collaborazione tra cittadini e Istituzioni, dall’altro un progetto di miglioramento dei sistemi di videosorveglianza, allo scopo di concorrere anche all’erogazione dei fondi.

Tale progetto di videosorveglianza per il controllo dell’intero comprensorio territoriale, servirà a mettere in rete le risorse esistenti nei singoli comuni e ad integrare eventuali ulteriori sistemi, uniformando le tecnologie e realizzando una razionale copertura del territorio evitando in tale modo sovrapposizioni e coperture superflue.

Infine è stato formalizzata la proposta di un ulteriore accordo per la gestione in forma associata della sicurezza urbana e stradale al fine di razionalizzare ed ottimizzare l’impiego delle risorse che ogni Comune ha a disposizione. I sindaci, al termine della riunione, hanno condiviso pienamente le proposte avanzate riservandosi di sentire i propri Comandi per addivenire, in breve, alla sottoscrizione di un Accordo, in relazione al quale sarà opportunamente coinvolta anche la Regione per le valutazioni di competenza.

Infine, il Sindaco di Bellizzi, anche a nome degli altri Sindaci intervenuti, ha voluto ringraziare il Prefetto per l’intuizione avuta di un progetto finalizzato a migliorare ulteriormente la sicurezza del comprensorio anche attraverso l’ottimizzazione del prezioso patrimonio di risorse umane delle singole polizie municipali il cui apporto, coordinato ed integrato alle Forze dell’Ordine, potrà essere di estrema utilità nell’azione di prevenzione e contrasto della criminalità.

scritto da 







Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi